Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Domenica, 25 Ottobre 2020

Nicolò: "Urge assumere iniziative per rassicurare i turisti e salvaguardare gli imprenditori del settore"

“E’ disarmante il modo in cui la Regione sta fronteggiando il grave stato di inquinamento marino e delle foci dei torrenti, contrariamente alle rassicuranti dichiarazioni rilasciate dal presidente Oliverio non più tardi di qualche settimana addietro all’inserto di approfondimento di “E’ disarmante il modo in cui la Regione sta fronteggiando il grave stato di inquinamento marino e delle foci dei torrenti, contrariamente alle rassicuranti dichiarazioni rilasciate dal presidente Oliverio non più tardi di qualche settimana addietro all’inserto di approfondimento di un grande quotidiano nazionale”.

Alessandro Nicolò Alessandro Nicolò


Lo afferma in una nota il capogruppo di Forza Italia a Palazzo Campanella, Alessandro Nicolò.
“Gli inefficaci controlli sui pochissimi impianti di depurazione attivi sul territorio regionale e sulla sicurezza dei greti di fiumi e torrenti ormai diventati aree di scarico utilizzati da gente senza scrupoli che considera la Calabria ‘terra di nessuno’, gettano un’ombra sinistra non solo sulle prospettive del turismo ma sulla stessa sicurezza sanitaria della nostra popolazione. Gli sforzi degli apparati dello Stato per prevenire l’aggressione dei nostri territori – prosegue ancora Alessandro Nicolò – necessitano quindi di un forte aiuto da parte delle istituzioni regionali e locali calabresi per fronteggiare il continuo attacco cui sono sottoposti aree di pregio di questa nostra regione. Interi comuni del Tirreno cosentino e della provincia di Reggio Calabria – ricorda Nicolò – sono come dentro un incubo a causa delle quotidiane segnalazioni di ‘mare sporco’ che puntualmente giungono dai cittadini e dai turisti, che testimoniano lo stallo di una situazione che si protrae da troppo tempo e senza soluzione di continuità. La Calabria, così, si allontanerà ulteriormente dai ‘desiderata’ dei vacanzieri, sempre di meno, a causa del ripetersi di situazioni negative sotto il profilo ambientale come se si trattasse di un inevitabile destino cinico e baro che rema contro di noi. Sappiamo invece – evidenzia Alessandro Nicolò - che non di questo si tratta e che il fato c’entra poco in una situazione tutta umana, ovvero, risolvibile nella misura in cui si avvieranno le dovute e necessarie iniziative politico-amministrative  per dire basta, una volta e per sempre, a chi inquina e distrugge la nostra terra ed il nostro mare. Non è questione di mera repressione – dice Alessandro Nicolò – ma di iniziative di controllo da parte della Regione e dei suoi enti strumentali per stroncare all’origine il verificarsi di problematiche, come l’inquinamento, che pregiudicano sul nascere ogni tentativo di programmazione turistica e di rilancio delle bellezze della nostra regione. Credo che su questioni di tale portata – asserisce Nicolò -  non possano riscontrarsi divisioni tra le forze politiche in Consiglio regionale, anzi, potrà essere una ulteriore occasione per fare il punto sullo stato delle cose e riprogettare il futuro di una terra che della sua bellezza faccia un input di sviluppo a beneficio soprattutto delle generazioni a venire”.