Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Sabato, 06 Giugno 2020

Incontro a Roma sul Porto di Gioia Tauro. Sculco (Cir) : "Servono risposte per il rilancio di un'infrastruttura centrale per lo sviluppo del Paese"

“Se la politica, in questo Paese, continua a non occuparsi dei problemi dello sviluppo, in particolare del Mezzogiorno e delle sue aree più svantaggiate, e soprattutto della vertenza simbolo di uno sviluppo possibile ma finora negato qual è quella del “Se la politica, in questo Paese, continua a non occuparsi dei problemi dello sviluppo, in particolare del Mezzogiorno e delle sue aree più svantaggiate, e soprattutto della vertenza simbolo di uno sviluppo possibile ma finora negato qual è quella del Porto di Gioia Tauro, rischia di soccombere. Flora SculcoE  di perdere non solo funzione, ruolo e fiducia, ma persino ‘senso’ e valore”.  Lo dice la consigliera regionale di Calabria in Rete Flora Sculco che aggiunge: “Auspico che l’appuntamento che i lavoratori e il sindacato si sono conquistati a Roma per il 19 aprile presso il Ministero delle Infrastrutture abbia come esito risposte e risposte certe. E  fatti, da ottenersi, sia per il bacino di carenaggio, Il Gateway ferroviario e  la Zes in tempi rigorosamente monitorati. Non solo un intervento utile a  bloccare l’indicibile diktat sui 400 esuberi, ma finalmente l’assunzione di una responsabilità da parte del Governo che finora è mancata”.  Conclude Flora Sculco: “A nessuno serve un incontro interlocutorio o tanto per ascoltare  sviolinate sulla rilevanza di un’infrastruttura internazionale a cui un Paese dignitoso avrebbe dovuto, già da molto tempo, dedicare l’attenzione necessaria. La politica ponga fine all’abitudine di intervenire dopo che i guasti sono prodotti, per commentarli o per esprimere solidarietà di maniera. E’ in gioco, a Gioia Tauro segnatamente, non solo l’importante patrimonio democratico di lotte sindacali e non solo il diritto al lavoro che per nessuna ragione può essere calpestato, ma uno dei punti centrali delle politiche meridionaliste e del rilancio dello sviluppo del Mezzogiorno e del Paese”.