Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Giovedì, 29 Ottobre 2020

Il presidente Arturo Bova presenta le linee guida della Commissione anti ‘ndrangheta

La creazione di un registro delle associazioni antimafia per evitare dispersione di energie e risorse rappresenta uno degli obiettivi che impegneranno la Commissione contro la ‘ndrangheta in Calabria.

Il presidente della Commissione contro la 'ndrangheta Arturo Bova Il presidente della Commissione contro la 'ndrangheta Arturo Bova


Ad annunciarlo il presidente dell’organismo Arturo Bova che stamani ha presentato le linee guida dell’attività della Commissione al liceo scientifico di Girifalco “Ettore Majorana”, in cui si è formato umanamente e culturalmente. “Una scelta non causale - ha commentato Bova - ma che risponde alla precisa esigenza di stimolare la cittadinanza attiva e la partecipazione responsabile alle decisioni della politica. La scuola ha un ruolo imprescindibile perché è lungo il percorso formativo che si apprendono i modelli di comportamento e si acquisiscono le regole del vivere civile”.
“Il lavoro sul territorio sarà reso ancor più incisivo - ha aggiunto - grazie anche allo stanziamento collocato dalla Regione sul fondo di coesione sociale (220 milioni di euro in tutto), una cui parte - precisa Bova - sarà utilizzata nella lotta alle mafie”.
Nel corso della presentazione delle linee-guida della Commissione, il presidente ha evidenziato: “Siamo terra di ‘ndrangheta, ma siamo anche la prima regione per anti-‘ndrangheta. Ho avuto modo di conoscere a fondo il nostro territorio e ho potuto constatare come in Calabria ci sia un pullulare di associazioni estremamente attive ma non raccordate tra loro. Ecco che la parola ‘rete’ potrà essere riempita di contenuti grazie al ruolo di guida che la Commissione svolgerà in sinergia con le Prefetture”.
Senza mezzi termini, il presidente della Commissione ha poi soggiunto: “C’è anche un’anti-‘ndrangheta di facciata e parolaia, che punta solo a lucrare sui contributi. L’organizzazione che noi auspichiamo dunque è importante anche per far sì che lerisorse possano essere investite nel migliore dei modi. Dobbiamo far vedere sul territorio che esiste un’antimafia seria”.
Concludendo il suo intervento, Bova ha detto:“Il valore dell’impegno condiviso è il solo capace di innescare autentici processi di sviluppo. Solo grazie alla promozione e alla valorizzazione degli strumenti di cittadinanza attiva si renderanno protagoniste le nostre comunità delle scelte politiche che, per questa via, risulteranno ancor più legittimate e rafforzate”.