Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Venerdì, 23 Ottobre 2020

Il 21 la Commissione contro la 'ndrangheta ricorda tutte le vittime della mafia

Si rinnova anche quest'anno l'appuntamento con la Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo di tutte le vittime della 'ndrangheta.
Venerdì 21 marzo alle ore 11.00 nell'Aula "Giuditta Levato" di Palazzo Campanella, la Commissione contro la 'ndrangheta, presieduta dal consigliere regionale Salvatore Magarò, riunita in seduta solenne, alla presenza delle autorità civili, militari e religiose, commemorera' tutte le vittime della mafia.
Porterà la sua testimonianza la dott.ssa Caterina Chinnici, Capo Dipartimento della Giustizia Minorile del Ministero della Giustizia e figlia del giudice Rocco Chinnici, autentico apripista e innovatore nelle strategie per fronteggiare la mafia, trucidato il 29 luglio del 1983 a Palermo.
Sarà un'ampia riflessione sulle tante atrocità che hanno segnato una difficile stagione vissuta dal Paese. Il fenomeno mafioso, che aveva già raggiunto livelli di pericolosità elevatissima, ha dato ulteriori prove di potenza e di vitalità, mettendo a segno attentati in cui caddero vittime anche magistrati come Giovanni Falcone, Giuseppe Di Lello, Paolo Borsellino.
La lettura dei nomi dei caduti per mano mafiosa avra' un sottofondo musicale eseguito con l'arpa da Cristina Priolo, allieva del Conservatorio di musica "Francesco Cilea" di Reggio Calabria, diretto dal Maestro Francesco Barilla'.
"L'iniziativa del 21 rappresenta un omaggio doveroso a quanti - ha detto Salvatore Magaro' - si sono spesi con impegno, dedizione ed abnegazione -anche a costo della
propria stessa vita - per la nobile causa della giustizia e per edificare un futuro migliore su basi di libertà, solidarietà e condivisione. Oggi più che mai - ha concluso - si avverte il  bisogno di testimonianze vere e credibili da cui solo può germogliare quel cambiamento nella realtà e nelle coscienze che tutti si attendono".