Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Sabato, 31 Ottobre 2020

Magarò: "Rodotà presidente della Repubblica una garanzia per il Paese!"

“Facciamo partire con entusiasmo dalla Calabria la proposta Stefano Rodotà Presidente della Repubblica italiana”. E’ l’idea che suggerisce il consigliere regionale Salvatore Magarò, presidente della Commissione contro la ‘ndrangheta.
“Non è proprio l’essenza dei diritti, individuali e collettivi, in un mondo in rapida trasformazione, spesso posta in discussione in questo nostro  Paese che oggi vive una stagione  assai difficile? Quale migliore occasioni, dunque  - argomenta Magarò - per indicare, dopo la performance prestigiosa di Giorgio Napolitano al Quirinale, una figura di alta garanzia come il professor   Rodotà  che, per esperienza, competenza e profondità di  studi, ha sempre dimostrato indipendenza di giudizio e strenuo attaccamento ai principi costituzionali?”  Ancora Magarò: “Si tratta di un   giurista di spessore, di un profondo conoscitore delle problematiche poste dalla democrazia digitale, e di  un calabrese che conosce bene le difficoltà di una regione del profondo Sud, essendo  nato a Cosenza e  cresciuto a San Benedetto Ullano, paese di lingua, usi, costumi e tradizioni arberesche”. Conclude il consigliere regionale: “Il voto del 24/25 febbraio ci consegna un’Italia mutata, ma anziché lasciarsi prendere dall’angoscia per le novità intervenute le forze politiche e gli italiani dovrebbero cogliere l’occasione per rinnovare istituzioni e consuetudini politiche.  In questo quadro, se  ad occupare la poltrona sul Colle più alto della Capitale  ci fosse un noto esperto di diritto come Rodotà, primo presidente dell’Autorità garante per la protezione dei dati personali e tra  gli autori della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, saremmo tutti decisamente più tranquilli”.