Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Sabato, 31 Ottobre 2020

Magarò rieletto presidente della commissione contro la 'ndrangheta

Si è conclusa con l’elezione degli organi della Commissione regionale  contro la 'ndrangheta la tornata  di insediamento delle nuove Commissioni consiliari. Alla guida della Commissione antindragheta è stato riconfermato il consigliere Salvatore Magarò (Scopelliti presidente). Vicepresidente, è stato rieletto il Si è conclusa con l’elezione degli organi della Commissione regionale  contro la 'ndrangheta la tornata  di insediamento delle nuove Commissioni consiliari. Alla guida della Commissione antindragheta è stato riconfermato il consigliere Salvatore Magarò (Scopelliti presidente). Vicepresidente, è stato rieletto il consigliere Bruno Censore (Pd), consigliere segretario, Salvatore Pacenza (PdL).
Della Commissione fanno inoltre parte i consiglieri: Nucera e Vilasi, del PdL; Chizzoniti (Insieme per la Calabria); Gallo (Udc); Giordano (IdV) e Maiolo (Pd).
“La mia riconferma alla guida della Commissione – ha detto il presidente Magarò a conclusione dei lavori -  è un’attestazione di fiducia e il riconoscimento della bontà del lavoro finora svolto. Per questo ringrazio i commissari con i quali ho condiviso il percorso fin qui tracciato e rivolgo ai nuovi componenti l’augurio di un avvio di lavori produttivi. Sono convinto – ha continuato Magarò – che sapranno con la loro partecipazione infondere entusiasmo e nuovo slancio alla programmazione e alle iniziative in corso. Porteremo a termine il lavoro iniziato – ha concluso Salvatore Magarò – e programmeremo nuove iniziative di sensibilizzazione, divulgazione e cooperazione con le associazioni antimafia presenti sul territorio con le quali abbiamo, in questi due anni e mezzo, instaurato un buon rapporto di collaborazione e confronto”.