Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Sabato, 06 Giugno 2020

Parente: "Proficuo lavoro della Commissione per sicurezza impresa e Gioia Tauro"

La sesta Commissione consiliare, ‘Affari dell’Unione europea e Relazioni con l’estero’, presieduta dal consigliere Claudio Parente (Scopelliti presidente), ha espresso parere positivo su tre deliberazioni della Giunta regionale che modificano il Por Calabria – Fesr 2007/2013 e il Piano di azione per lo sviluppo dell’area di Gioia Tauro.
Il primo parere, espresso a maggioranza dei presenti e con il voto di astensione del consigliere Emilio De Masi (IdV), riguarda un atto deliberativo (n.45/9) con cui si promuovono ‘azioni di sostegno alle imprese per migliorare le condizioni di sicurezza’, per un importo finanziario di 5,8 milioni di euro.
Il secondo, espresso all’unanimità dei presenti, è riferito alla deliberazione n. 46/9 dell’Esecutivo, recante ‘iniziative per la produzione di energia da fonti rinnovabili’,  che impegna risorse per circa undici milioni di euro.
Il terzo parere, infine, approvato con l’astensione del consigliere De Masi, correda la deliberazione n. 48/8 della Giunta regionale con cui si incentiva lo sviluppo dell’area di Gioia Tauro, in particolare, l’intermodalità ed il trasporto ferroviario, con un impegno finanziario di due milioni di euro.
Il presidente Claudio Parente, a conclusione della seduta, ha dichiarato:
“ Intendo ringraziare i componenti della Commissione per il lavoro svolto, in particolare l’on. De Masi, per la sensibilità e la responsabilità istituzionale dimostrata. Ci siamo confrontati su temi importanti per il sostegno al mondo produttivo calabrese, approvando le Direttive per interventi volti a sostenere, nell’ambito dell’Asse IV del POR FESR Calabria 2007/2013, gli investimenti delle piccole e medie imprese per l’installazione di impianti di allarme e dispositivi di sicurezza”.
“I soggetti beneficiari – evidenzia Parente - saranno le PMI singole o associate, incluse le ATI, operanti nel settore industriale, artigianale, dei servizi, commerciale e turistico, e aventi sede operativa in Calabria, con priorità per quelle che svolgono attività in ambiti territoriali definiti ad alta densità criminale. Nel prosieguo dei lavori – sottolinea il Presidente – abbiamo approvato le Direttive di attuazione per la concessione di aiuti alle imprese al fine di aumentare la produzione di energia da fonti energetiche rinnovabili e promuovere il risparmio energetico, la riduzione dell’intensità e l’efficienza energetica. Gli interventi sono cofinanziati nell'ambito dell'Asse II – Energia - del POR Calabria FESR 2007/2013. I soggetti beneficiari sono le piccole e medie imprese singole o associate, aventi sede operativa in Calabria da almeno 2 anni, che presentano Piani di Investimento destinati alla riduzione dei consumi energetici primari attraverso la produzione di energia da fonti rinnovabili, l’efficientamento energetico, la cogenerazione ad alto rendimento e la rigenerazione (sistema combinato di produzione). L’agevolazione consiste in un contributo in regime de minimis per un massimo di 200.000,00 euro nell’arco di 3 esercizi finanziari, con intensitàdi aiuto diverse a seconda della tipologia di intervento e dell’impresa richiedente. L’ultimo punto trattato – conclude Claudio Parente - riguardava l’approvazione delle Direttive di attuazione per la concessione di aiuti alle imprese al fine di sostenere lo sviluppo del sistema produttivo nell’Area di Gioia Tauro, ed in particolare l’intermodalità e il trasporto ferroviario. Si tratta di indirizzi che puntano a valorizzare e potenziare una delle principali risorse strategiche della geografia economica calabrese e il sistema imprenditoriale ad esso collegato nei settori dei trasporti, della logistica, manifatturieri e dei servizi.”
Ai lavori della Commissione hanno dato il loro contributo i consiglieri: Pacenza (PdL), De Masi (IdV), Gallo (Udc), Imbalzano (Scopelliti presidente), Nicolò (PdL). Era presente l’assessore alle Attività  produttive, Antonio Caridi, il dirigente generale dell’assessorato, Maria Grazia Nicolò, i dirigenti di settore, Franco Prampolini e Felice Iracà, il dirigente della Presidenza della Giunta regionale, Sabrina Blasco. Il vicepresidente della Commissione, Mario Maiolo (Pd), in un comunicato stampa che si trasmette a parte, spiega i motivi alla base della sua decisione di abbandonare i lavori della Commissione.