Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Mercoledì, 23 Settembre 2020

Quinta Commissione: Sì alla partecipazione della Regione Calabria alle politiche dell'Unione Europea

La Commissione Riforme, presieduta da Siniblado Esposito, ha espresso parere favorevole (astensione dei consiglieri Pasqua e Nicolò), alla proposta di legge di iniziativa dei consiglieri Aieta e D’Acri che introduce disposizioni sulla partecipazione della Regione Calabria alla formazione e all'attuazione La Commissione Riforme, presieduta da Siniblado Esposito, ha espresso parere favorevole (astensione dei consiglieri Pasqua e Nicolò), alla proposta di legge di iniziativa dei consiglieri Aieta e D’Acri che introduce disposizioni sulla partecipazione della Regione Calabria alla formazione e all'attuazione della normativa e delle politiche dell'Unione Europea e sulla programmazione nazionale per le politiche di sviluppo e coesione.

Il consigliere Baldo Esposito (Ndc) Il consigliere Baldo Esposito (Ndc)


L’organismo consiliare aveva iniziato i propri lavori con l’audizione del prof. Paolo Falzea, ordinario di diritto costituzionale all’Università degli studi “Magna Graecia” di Catanzaro che ha relazionato sulle proposte di integrazione e modifica dello Statuto regionale finalizzate ad implementare l’efficacia degli interventi normativi regionali e sullo Statuto della regione Calabria e gli istituti di partecipazione.
“Anche oggi, così come nelle precedenti audizioni- esordisce il presidente Esposito-, il contributo del prof. Falzea è stato prezioso per elevare il livello di conoscenza su materie di ampio respiro e che, pertanto, richiedono scelte e percorsi chiari e definibili pur nella complessità delle singole questioni. Scelte che troveranno sintesi nella necessità di rivisitazione ed integrazione dello Statuto regionale. In particolare, tra i diversi temi importanti e fondamentali che sono stati esaminati, significativo quello sul regionalismo differenziato quale ricerca delle specificità e peculiarità del territorio e possibilità concreta di sviluppo dello stesso”.