Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Giovedì, 22 Aprile 2021

Talarico (IdV): ”Tutelare il territorio dalle concessioni di nuove centrali”

“Quando in Calabria si parla di energie rinnovabili la mente non va immediatamente all’opportunità, ed alla necessità, di contenere la spesa energetica e di ridurre la dipendenza del sistema energetico regionale dall’utilizzo del petrolio (cosa in sé importante), quanto all’abuso “Quando in Calabria si parla di energie rinnovabili la mente non va immediatamente all’opportunità, ed alla necessità, di contenere la spesa energetica e di ridurre la dipendenza del sistema energetico regionale dall’utilizzo del petrolio (cosa in sé importante), quanto all’abuso che in questi anni si è fatto dell’installazione di impianti di produzione di energia cosiddetta pulita, anche in aperta contraddizione con la vocazione e la tipologia dei territori destinati ad ospitarli”.
“E’ noto a tutti, infatti, che la Calabria produce molta più energia di quella che consuma (dai dati ufficiali del gestore della rete elettrica risulta che la Calabria ha un esubero di produzione energetica dell'88,7 %!), eppure continua la corsa alla riattivazione di centrali, alla realizzazione di parchi eolici, alla creazione di minicentrali idroelettriche”.
“Gli investimenti in questo settore sono di dimensioni colossali: fiumi di soldi vanno a soddisfare gli appetiti di grandi gruppi multinazionali (anche di organizzazioni criminali, come recenti inchieste giudiziarie hanno dimostrato), mentre ai territori, ai comuni, alle popolazioni, rimangono, oltre ai danni per l’ambiente ed il paesaggio, soltanto le briciole”.
“Stanti le difficoltà in cui versano oggi i comuni, con le casse dissanguate dalle ultime manovre lacrime e sangue dei governi centrali, si capisce l’interesse dei sindaci ad aprire il proprio territorio a queste iniziative (In molti casi sarebbe il caso di dire “speculazioni”), ma non è accettabile che alle emergenze finanziarie degli enti locali si faccia fronte a discapito dell’ambiente e della vivibilità dei territori, che in taluni casi vantano anche un particolare pregio naturalistico”.
“Va bene investire nelle rinnovabili, ma guai a consentire l’apertura di centrali in aree protette, ovvero, la devastazione di interi territori montani con l’installazione di decine di colossi eolici, come nel caso di Cerisano e  Marano Principato, inibendo agli stessi territori ogni potenzialità di sviluppo turistico”.
“La materia richiede una nuova regolamentazione, evidentemente. Il Piano energetico ambientale della Regione risale al 2005, quando le prospettive di una politica energetica fondata sulla valorizzazione delle rinnovabili apparivano ben più rosee di quelle poi effettivamente rivelatesi”.
“La crescita impetuosa e disordinata, delle iniziative imprenditoriali in questo ambito richiede una riformulazione delle previsioni del Piano energetico, nel quale possa trovare spazio una maggiore attenzione ai temi della difesa del territorio e della conservazione dell’ambiente e del paesaggio, nell’ottica di uno sviluppo ecocompatibile della Calabria”.