Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Giovedì, 22 Aprile 2021

Giordano (Idv): “Rifinanziare i progetti di accoglienza”.

In merito all’approvazione da  parte dell’Aula, nella seduta del 14 dicembre scorso, dell’ordine del giorno teso a salvaguardare i progetti di accoglienza dei migranti coinvolti nell’emergenza Nord Africa, il consigliere regionale di Italia dei valori Giuseppe Giordano, proponente dell’iniziativa, dichiara In merito all’approvazione da  parte dell’Aula, nella seduta del 14 dicembre scorso, dell’ordine del giorno teso a salvaguardare i progetti di accoglienza dei migranti coinvolti nell’emergenza Nord Africa, il consigliere regionale di Italia dei valori Giuseppe Giordano, proponente dell’iniziativa, dichiara quanto segue: “Nel prendere atto che il DPCM del 6 ottobre 2011 ha fissato al 31 dicembre 2012 la chiusura dello stato di emergenza e la conseguente cessazione del finanziamento di tali progetti da parte della Protezione Civile, con il rischio di conseguenze  drammatiche per molte persone che non sono ancora  autonome dal punto di vista abitativo, lavorativo ed economico, si rende necessario che la Giunta Regionale  si attivi  presso il Governo nazionale per una proroga dello stato di emergenza  anche per l’anno 2013 con il rifinanziamento dei progetti di accoglienza. Nel contempo, chiediamo alla Giunta regionale di sollecitare un provvedimento istituzionale da parte delle autorità nazionali idoneo a prendere atto della reale situazione e a garantire a coloro che hanno ricevuto il diniego (sia a quelli che abbiano interposto ricorso sia a quelli che non l’abbiano interposto) un permesso di soggiorno per protezione umanitaria ad hoc, nel rispetto della dignitàumana e della legge. Un fronte unitario delle regioni che appare necessario per salvaguardare esperienze come quelle calabresi di Riace, Caulonia ed Acquaformosa che, a livello internazionale, sono considerate come modelli  d’integrazione che conciliano accoglienza e sviluppo economico”.