Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Lunedì, 17 Gennaio 2022

Rifiuti: Roccella Jonica comune virtuoso

Grande successo per la manifestazione finale del concorso “Ricicli..amo” che si è svolto a Roccella Jonica, all’interno della dell’ex convento dei frati Minimi. Il concorso, che si inserisce all’interno della kermesse nazionale “Piccola Grande Italia” di Legambiente, e che ha Grande successo per la manifestazione finale del concorso “Ricicli..amo” che si è svolto a Roccella Jonica, all’interno della dell’ex convento dei frati Minimi. Il concorso, che si inserisce all’interno della kermesse nazionale “Piccola Grande Italia” di Legambiente, e che ha visto il Comune di Roccella premiato come Comune virtuoso nell’attività di recupero e riciclo dei rifiuti. Un tema particolarmente sentito in Calabria in considerazione della fase emergenziale in cui versail comparto adesso passato alla gestione ordinaria dopo 16 anni di Commissariamento. Una responsabilità di non poco conto sulle spalle dell’assessore regionale all’Ambiente Francesco Pugliano che ha iniziato una fitta interlocuzione con i primi cittadini della Calabria per tentare di trovare le soluzioni migliori fino a quando le discariche e gli impianti di gestione non saranno adeguati e messi in grado di smaltire i rifiuti prodotti dalla Regione.
In un quadro del genere le iniziative come quella messa in piedi dal Comune di Roccella Jonica, risultata prima nel rapporto tra quantità di indumenti usati raccolti e numero di abitanti, non possono non essere salutate con favore. Così come hanno fatto il sindaco di Roccella Jonica Giuseppe Certomà che ha relazionato sul tema: “Rifiuti: da emergenza a riscatto sociale”. Hanno poi offerto il proprio contributo alla discussione il presidente del Comitato dei sindaci della Jonica Giuseppe Strangio, il direttore di Legambiente Giuseppe Toscano, Giovanni Montepaone volontario in numerose associazioni del terzo settore, il capogruppo di maggioranza del Comune di Roccella Vincenzo Bombardieri ed alcuni responsabili della cooperativa sociale “Felici da Matti”. La cooperativa ha illustrato al pubblico intervenuto la nuova attività dell’impresa che prevede il recupero degli oli vegetali esausti.
Il vicepresidente del Consiglio regionale Alessandro Nicolò ha voluto dimostrare la propria vicinanza al Comune di Roccella e la propria condivisione dell’iniziativa con un messaggio. “Non posso esimermi dall’offrire una riflessione su aspetti di alta valenza ed impatto sociale richiamati in questo importante evento – dice Alessandro Nicolò - Una iniziativa, la vostra,  che mette al centrola delicata questione dei rifiuti e che, tra i momenti più qualificanti, annovera la premiazione di Roccella Ionica  quale Amministrazione virtuosa del 2012 e la presentazione degli elaborati realizzati dagli alunni che hanno partecipato alla finale del concorso “Ricicli…amo”. Roccella Ionica, comune strategico della provincia reggina dal punto di vista turistico e culturale, conosciuta in ogni parte del mondo in quando sede di uno dei Festival Jazz più rinomati e prestigiosi, diventa anche esempio di capacità e gestione su una delle criticità più pesanti ed attuali che tanto stanno condizionando l’intera comunità calabrese dopo anni di gestione poco attenta ed inefficace”.
“Il riconoscimento che l’Amministrazione comunale di Roccella Ionica si è guadagnato sul campo – prosegue Nicolò - con una politica efficiente ed efficace, ha trovato il massimo compimento nel rapporto tra quantità di indumenti usati raccolti e numero di abitanti. Infatti, il tema del convegno “Da emergenza a riscatto sociale”, disegna perfettamente questo percorso proficuo che diventa testimonianza di una Calabria che ha voglia di fare, che non si  piange addosso, ma che trova determinazione per risalire la china.  Significativo, al tempo stesso, il coinvolgimento dei giovani premiati che, con la forza delle loro idee, contribuiscono a costruire un’immagine positiva della nostra terra acquisendo l’importanza di comportamenti ispirati al rispetto delle persone, dell’ambiente e delle ‘cose’ in un contesto sociale allargato”.