Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Mercoledì, 19 Gennaio 2022

Nucera esprime compiacimento per la legge sull'attività venatoria

“Non posso che esprimere il mio compiacimento per l’approvazione da parte della quarta Commissione della proposta di legge di cui sono stato promotore assieme ai colleghi Bilardi, Tripodi e Giordano che modifica la legge regionale n° 9/96 sull’attività faunistica venatoria”.
E’ quanto dichiara il segretario-questore del Consiglio regionale Giovanni Nucera che sottolinea come il provvedimento “giunga a conciliare le molteplici esigenze ed istanze manifestate dalle diverse categorie coinvolte e da tutti i soggetti a vario titolo interessati dalla normativa venatoria”.
Per Nucera “Innegabile è il valore culturale, economico e sociale che la pratica venatoria sostenibile riveste nel nostro territorio. Da qui, la necessità di assoggettarla ad una programmazione condotta ed eseguita su basi scientifiche”. “Oggi - sottolinea il segretario-questore - occorre puntare al recupero di una ecologia che dia spazio ad un’attività sportiva fortemente legata al territorio e alle antiche tradizioni regionali, ma soprattutto alla salvaguardia della natura come obiettivo primario.  Se l’esercizio venatorio non rappresenta più fonte di sostentamento, è altrettanto vero che non si può mortificare un’attività che riveste un ruolo importante nel sistema delle attività produttive”.
“L’esercizio della caccia rappresenta infatti un elemento decisivo di ricchezza e di sviluppo del territorio sia in termini di indotto che di prospettive turistiche” – sottolinea Nucera.
“Per queste ragioni – conclude - il provvedimento risulta strategico in quanto finalizzato a regolamentare periodi, aree e modalità dell'esercizio dell’attività venatoria”.