Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Mercoledì, 19 Gennaio 2022

Gli auguri di Alessandro Nicolò a Santelli e Catricalà

“Esprimo gli auguri per un proficuo lavoro a Iole Santelli, neo Sottosegretario di Stato al Welfare, e ad Antonio Catricalà, nominato Viceministro allo Sviluppo. Si tratta di due personalità del mondo politico-istituzionale di comprovata esperienza e conoscitori profondi della situazione “Esprimo gli auguri per un proficuo lavoro a Iole Santelli, neo Sottosegretario di Stato al Welfare, e ad Antonio Catricalà, nominato Viceministro allo Sviluppo. Si tratta di due personalità del mondo politico-istituzionale di comprovata esperienza e conoscitori profondi della situazione di crisi in cui versa la Calabria  con tutte le sue mille emergenze. Due dicasteri importanti per una regione come la nostra in cui l’assenza di opportunità di lavoro per il mancato sviluppo segna in maniera preoccupante la quotidianità di migliaia di persone. Qualche dubbio però rimane sulle valutazioni politiche che hanno ristretto la presenza nel Governo Letta a due soli  nostri rappresentanti, a fronte di una conclamata emergenza criminale che si fonde in un tutt’uno con la crisi sociale che viviamo. Credo che la Calabria avrebbe meritato una maggiore considerazione sotto il profilo della rappresentanza nel Governo proprio per infondere fiducia nella popolazione, al mondo produttivo, per innalzare maggiormente il livello dell’attenzione nazionale sulla nostra terra. Da parte nostra, lavoreremo con l’impegno di sempre per favorire un’efficace politica di confronto con i tavoli romani, convinti come siamo che senza forti politiche economiche pubbliche, la Calabria ed il Mezzogiorno saranno costretti, ancora una volta, a rimanere nel sottosviluppo e senza lavoro”.