Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Venerdì, 22 Ottobre 2021

Giovanni Nucera e Fials per la riduzione della tares a Reggio Calabria

Un “pacchetto” di proposte per rendere, dal prossimo anno, meno onerosa per le “tasche” dei cittadini reggini, la Tares, tassa comunale sui rifiuti.
L’hanno illustrato nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Campanella, il segretario-questore del Consiglio regionale Giovanni Nucera assieme al coordinatore regionale del Sindacato Fials Bruno Ferraro ed al responsabile Fials pensionati Domenico Gattuso.
“Un’iniziativa - ha spiegato Nucera - che non intende individuare ed attribuire colpe e responsabilità ma che semplicemente vuole raccogliere e prendere in carico la protesta legittima dei cittadini reggini, gli unici a pagare più degli altri italiani per questo servizio. Si tratta di un progetto che ha solide basi di fattibilità e sul quale abbiamo già chiesto un incontro alla Terna commissariale della città dello Stretto con l’obiettivo di alleviare il pesante carico fiscale”.
“Ridurre la Tarsu da 38 milioni di euro a 20 è possibile potendo contare su un ventaglio di misure convergenti. 15-18 milioni di euro - spiega Ferrara - si potranno recuperare con la riduzione del 30% degli appalti pubblici e grazie ai rinnovi dei contratti con le società partecipate; un altro milione e mezzo di euro da destinare alla riduzione della Tarsu per i pensionati, gli indigenti e le famiglie con portatori di handicap, potrà essere recuperato con il pagamento per i servizi individuali a domanda. Per questa via, la Tarsu verrebbe così ad abbassarsi dai 530 euro medi attuali a circa 250”.
Un sistema - hanno concluso Nucera e Ferraro che “garantirebbe i meno abbienti e tutti i soggetti in difficoltà e non avrebbe incidenza sul piano di rientro decennale. Dunque, un progetto economicamente sostenibile e socialmente importante sul quale chiediamo massima attenzione e concreto sostegno da parte dei commissari straordinari e dei tecnici del Comune”.