Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Giovedì, 06 Maggio 2021

Reggio Calabria: il centrodestra chiede lo stesso trattamento riservato a Napoli

Difendono il ''Modello Reggio'' e rivendicano per la citta' di Reggio Calabria lo stesso trattamento che il Consiglio dei Ministri ha riservato al Comune di Napoli e ad altri 1200 comuni italiani con difficolta' di Bilancio. Questi i termini della conferenza stampa che i rappresentantiregionali del Pdl, Candeloro Imbalzano, Giovanni Bilardi, Giovanni Nucera, Alberto Sarra, Alessandro Nicolo' Antonio Caridi e Gesuele Vilasi unitamente al capogruppo regionale Giampaolo Chiappetta hanno dedicato ad una notizia apparsa ieri sulla stampa e riguardante la citta' di Napoli, per la quale il Consiglio dei Ministri ha disposto l'invio di Ispettori del Ministero dell'economia con l'incarico di supportare gli amministratori comunali del capoluogo campano per una azione di rientro dal deficit amministrativo. ''Perche' analogo trattamento non e' stato previsto per il Comune di Reggio sul quale - si e' chiesto il capogruppo della Lista Scopelliti Giovanni Bilardi - e' in itinere l'eventuale decisione della dichiarazione di dissesto? Lo chiediamo come reggini - ha aggiunto - ma anche come rappresentanti istituzionali di questo territorio, e come ex amministratori comunali, ruolo attraverso il quale la citta' di Reggio ha notevolmente migliorato la sua vivibilita' e la propria sicurezza''. ''Siamo fortemente preoccupati per una eventuale dichiarazione di dissesto che per noi - ha sottolineato Bilardi - e' assolutamente immotivata''. ''Sarebbe assurdo, a questo punto, fermare o far rallentare una citta' che e' un treno in piena corsa. Per ripartire ci vorrebbero parecchi anni, cosi' come e' avvenuto quando la nostra citta' era ghettizzata - ha aggiunto Bilardi facendo appello all'unita' di tutti, cittadini, istituzioni, per la sua difesa. Chi non lo fara' dovra' assumersene tutta la responsabilita'''. ''Gli effetti sarebbero devastanti per famiglie ed imprese - ha subito dopo rilevato il consigliere regionale Candeloro Imbalzano - a fronte di un debito, che come rivelano i dati nazionali riferiti al 2010, ruota nell'orbita di un livello assolutamente fisiologico. Per questo - ha annunciato - nei prossimi giorni chiederemo un incontro al Ministro per chiedere parita' di trattamento, ma anche per denunciare una situazione che per Reggio e' stata estremamente enfatizzata''. Il capogruppo regionale Giampaolo Chiappetta ha ribadito quella che ha definito ''la nostra convinta ed ostinata rivendicazione ad una trattamento paritario, ma anche per sottolineare l'opportunita' che si continui a parlare del modello Reggio non in termini di negativita' ma per i grandi risultati che ha prodotto''. ''Non permetteremo a nessuno di mettere in gioco il buon rapporto che il Comune di Reggio ha costruito con i suoi cittadini - ha affermato l'assessore alle attivita' produttive Antonio Caridi - con una decisione che avra' l'unico effetto di bloccare ogni ulteriore prospettiva di sviluppo''. Dopo il Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Alberto Sarra che ha illustrato i termini giuridici del provvedimento governativo a favore della citta' di Napoli ''con il quale - ha evidenziato - Reggio e la Calabria non vengono proiettate in una situazione di parita' rispetto al resto del Paese'', e' intervenuto il Segretario Questore del Consiglio regionale Giovanni Nucera. ''Siamo qui - ha detto - per rivendicare il diritto della nostra citta', come rappresentanti istituzionali ed ex amministratori, ad avere eguale trattamento a livello nazionale. Il commissariamento - ha concluso Nucera - sarebbe un colpo mortale alla vivibilita' di questa citta', e getterebbe ingiustamente fango sulla sua immagine''. Infine il vicepresidente del Consiglio regionale Alessandro Nicolo' che ha sottolineato la presenza del capogruppo Pdl Giampaolo Chiappetta , ''dal significato politico importante''. ''Perche' - ha spiegato - Reggio e' una citta' di tutti, per la quale va assicurata la massima sinergia politica ed istituzionale''. ''Rappresenteremo in sede parlamentare le ragioni della nostra citta' - ha concluso Nicolo' - e se del caso investiremo della vicenda anche il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano''