Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Giovedì, 06 Maggio 2021

Chiappetta (Pdl): “ A Polsi per dire no a pregiudizi ingiustificati”

''Saro' a Polsi, alle celebrazioni per la festa della Madonna, come cattolico, come politico e come cittadino: e' ora di dire basta a questi pregiudizi arcaici e stereotipati che associano una festa che e' nel vissuto di tanti fedeli calabresi e che viene ingiustamente, da taluni, associata ad una manifestazione di fede cara alla ' 'ndrangheta''. Lo afferma  il capogruppo del Pdl Gianpaolo Chiappetta.
''Se c'e' un nemico storicamente pericoloso per la 'ndrangheta - aggiunge - e' la Chiesa, con le sue comunita' e con celebrazioni, proprio come quella di Polsi, che legano il culto religioso alla difesa di sentimenti che sono antitetici alla violenza brutale. Spiace che non si capiscano e non si comprendano, dopo decenni dalle pubblicazioni di Ernesto De Martino e dopo il filone seguito da Luigi Maria Lombardi Satriani, le ragioni antropologiche di una dedizione che e' tipicamente meridionale e che si fonde nella figura del Santo protettore: succede a Galatina con San Paolo, a Polsi con la Madonna e in altre realta' del sud, con un'analogia che e' divenuta tradizione e che merita rispetto''.
''Lo stesso rispetto - dice ancora Chiappetta - che meritano i fedeli calabresi, il Parroco di Polsi, il Vescovo, la regione intera, che non possono pagare il prezzo di una visione preconcettuale e datata, che si isola dal contesto storico e non interpreta una ritualita' che e' simbolo di totale sinergia fra comunita' e santo protettore. Le dichiarazioni di Mons Morosini sono state quanto mai esaustive: c'e' un vulnus che riguarda la Calabria ed e' una sorta di condanna preventiva che si sgancia dalla realta', per cui c'e' mafia la dove invece alligna una devozione fideistica storica e c'e' sporco li' dove il mare, invece, riappare limpido. Non possiamo accettare queste predefinizioni che sradicano il concetto di fede ed antropos e assegnano ai satrapi un giudizio sbagliato e impietoso che colpisce la coscienza pubblica''.
''Per questo - conclude Chiappetta - saro' a Polsi, ancor piu convinto, come consigliere regionale, al fianco della chiesa locale e di tutta la cittadinanza, per simboleggiare una devozione che e' aggregazione, pace, amore''c