Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Mercoledì, 19 Gennaio 2022

Consiglio regionale, eletti i presidenti delle Commissioni di Vigilanza e Antindrangheta. Istituita la Commissione per le riforme statutarie e regolamentari

Si ricompone il quadro istituzionale con l’elezione dei nuovi presidenti delle Commissioni speciali: Ennio Morrone e Arturo Bova presiederanno Vigilanza e Antidrangheta; loro vice, Vincenzo Pasqua (Oliverio presidente) e Giuseppe Mangialavori (Fi). Segretari degli organismi, invece, sono stati eletti Giuseppe Si ricompone il quadro istituzionale con l’elezione dei nuovi presidenti delle Commissioni speciali: Ennio Morrone e Arturo Bova presiederanno Vigilanza e Antidrangheta; loro vice, Vincenzo Pasqua (Oliverio presidente) e Giuseppe Mangialavori (Fi). Segretari degli organismi, invece, sono stati eletti Giuseppe Giudiceandrea (Vigilanza) e Franco Sergio (Antidrangheta).seduta del 10.11.15_2
Il Consiglio, presieduto da Nicola Irto, ha inoltre discusso ed approvato numerosi provvedimenti legislativi. Per la prevenzione del rischio idrogeologico e per efficientare la governance delle autorità istituzionali competenti, l’Aula ha approvato una proposta di legge sottoscritta dallo stesso presidente Irto, con cui si implementano norme nuove, i così detti ‘ contratti di fiume’, per regolare in maniera compiuta una materia su cui molte istituzioni locali detengono lembi di competenza amministrativa.
Il Consiglio, nel corso dei lavori, ha dato via libera ad una proposta di legge di iniziativa del consigliere Fausto Orsomarso con cui si dettano nuove direttive per il controllo della ricettività extralberghiera (B&B), un settore che può contribuire al rilancio del turismo in Calabria ed avvicinare moltissimi visitatori proprio per le politiche di contenimento dei prezzi.
L’Assemblea, con efficace speditezza, ha autorizzato la Giunta regionale alla riprogrammazione di alcune parti del Por 2007/2013, al riconoscimento dei debiti fuori bilancio derivanti da sentenze esecutive notificate alla Regione (in molti casi, si tratta di sentenze favorevoli al personale) e da acquisto di beni e servizi senza il preventivo impegno di spesa. seduta del 10.11.15 aulaInoltre, è stata autorizzata una variazione al bilancio 2015(proponente il consigliere Giudiceandrea), di quindici milioni di euro per fare fronte agli impegni derivanti dai servizi pubblici di trasporto locale; una proposta di legge bi-partisan (Romeo, Sculco, Arruzzolo, Cannizzaro, Giudiceandrea, Greco e Nicolò), con cui si modifica la disciplina ed il funzionamento del Consiglio delle autonomie locali; misure legislative per ottimizzare la produttività del lavoro, nonché, l’efficienza e la trasparenza dell’amministrazione del Consiglio regionale.
Il dibattito si è particolarmente acceso allorché si è passati all’esame di una proposta di legge di iniziativa della Giunta regionale con cui si adegua l’ordinamento della Regione alle disposizioni dettate dal decreto legislativo 39/2013 concernente disposizioni in materia di ‘inconferibilità e incompatibilità di incarichi presso le pubbliche amministrazioni epresi gli enti privati in controllo pubblico’.
seduta del 10.11.15_6Il presidente della Regione, Mario Oliverio, intervenendo, ha riportato all’attenzione del Consiglio i motivi della sua sospensione da parte dell’Anac (Autorità nazionale anticorruzione) dopo la nomina del commissario dell’Asp di Reggio Calabria, “adozione di un atto – ha sottolineato Oliverio – che ha scatenato contro di me la canea delle polemiche, volutamente strumentalizzate ad arte per fare confusione. Ho voluto ricorrere avverso quel provvedimento di sospensione – ha detto ancora Oliverio – per una questione di principio, perché potevo anche tacere. E invece, è mio desiderio che di questa materia il Consiglio regionale investa il Parlamento nazionale, si confronti sulla bontà delle eventuali soluzioni”. Mario Oliverio ha anche chiesto al presidente Nicola Irto di convocare una prossima seduta dell’Assemblea con un solo punto all’ordine del giorno: l’esame del programma Masterplan del Governo per la Calabria.
Prima di concludere i lavori, l’Aula ha approvato ordini del giorno per le maestranze del cementificio di Castrovillari, per la fondazione ‘Campanella’ e per lo sviluppo di Crotone.