Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Mercoledì, 19 Gennaio 2022

Via al referendum contro ‘trivella selvaggia’. Il Consiglio regionale approva anche il disegno di legge sulla richiesta di una ZES a Gioia Tauro.

Il Consiglio regionale, presieduto da Nicola Irto, ha approvato all’unanimità la proposta di impugnare il ‘Decreto Sblocca Italia’ e di indire un referendum abrogativo sulle concessioni alle società energetiche di ricerca di idrocarburi in mare aperto con il sistema della Il Consiglio regionale, presieduto da Nicola Irto, ha approvato all’unanimità la proposta di impugnare il ‘Decreto Sblocca Italia’ e di indire un referendum abrogativo sulle concessioni alle società energetiche di ricerca di idrocarburi in mare aperto con il sistema della trivellazione. aulaLa Calabria, dunque, si aggiunge alle altre regioni del Mezzogiorno promotrici dell’iniziativa referendaria per chiedere una severa regimentazione delle concessioni, tenuto conto, come ha detto l’assessore al ramo Antonietta Rizzo, che i nostri fondali sono caratterizzati da pericolosi fenomeni vulcanici che potrebbero generare terremoti.
L’Aula, inoltre, ha demandato i consiglieri Arturo Bova e Fausto Orsomarso il compito di seguire tutte le procedimentalità per la presentazione dei quesiti abrogativi.
Nel corso dei lavori, inoltre, è stata approvata all’unanimità la realizzazione di un sistema di diffusione audio-video via internet delle adunanze dell'assemblea legislativa per potere seguire la "diretta streaming" dei lavori con i personal computer, smartphone e tablet. Il sistema consente, inoltre, di creare un archivio informatico delle sedute anche "on demand", ampliando così la trasparenza sulle decisioni e innalzando il controllo sociale sull'operato degli amministratori. Tutto ciò ,senza spese aggiuntive.
Il Consiglio regionale, ancora, a maggioranza, ha dato via libera al progetto di legge per l’istituzione di una Zona economica speciale nell’ area portuale di Gioia Tauro. Sull’argomento, ha relazionato il presidente della seconda Commissione, Giuseppe Aieta. Nel dibattito, i consiglieri Nicolò, e Orsomarso, hanno ricordato che nella precedente legislatura una proposta legislativa in tal senso era stata approvata dal Consiglio regionale e sottoposta alla valutazione del Mef. L’assessore Russo e lo stesso Presidente Oliverio, intervenendo, hanno chiarito che il nuovo progetto di legge “non è un doppione, né tanto meno una mera questione di primazia politica, ma una versione aggiornata e adeguata alle nuove normative comunitarie in materia”.
L’Assemblea, dopo la relazione del consigliere Domenico Battaglia, ha anche approvato unanimemente un provvedimento amministrativo di iniziativa dell’Ufficio di presidenza del Consiglio contenente il regolamento per la Conferenza interregionale delle politiche nell’Area dello Stretto. Nel corso dei lavori, dopo la relazione del presidente della seconda Commissione, Giuseppe Aieta, il Consiglio ha preso atto degli indirizzi della Corte dei Conti “sul persistente inadempimento degli obblighi delle relazioni tecnico-finanziarie a corredo delle proposte di legge”. Su proposta dello stesso Aieta, il Consiglio ha approvato una variazione di Bilancio del valore di 249 mila euro per consentire il prosieguo della realizzazione del progetto rifiuti. La seduta è proceduta con la discussione e l’approvazione di alcune mozioni e ordini del giorno presentati da vari consiglieri. L’Aula ha così approvato la richiesta del mantenimento della prefettura di Vibo Valentia (proponente Mirabello); la richiesta di un intervento del Governo nazionale per lo sviluppo degli aeroscali di Reggio Calabria e Crotone (Sculco); il riconoscimento del pronto soccorso cardiochirurgico per il S. Anna Hospital di Catanzaro (Esposito, Scalzo e Tallini); azioni in favore degli allevatori ovino-caprini del crotonese contro le infezioni da lingua blu(Mirabello) e un ordine del giorno del consigliere Franco Sergio per il rafforzamento dei presidi sanitari territoriali e la garanzia delle cure primarie.