Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Martedì, 20 Novembre 2018

Orlandino Greco (Oliv. pres.): ”Risarcire i beni degli amministratori locali vittime di attentati”

Il presidente del gruppo consiliare "Oliverio Presidente", Orlandino Greco, ha depositato una proposta di legge recante ‘Misure a favore di Sindaci e amministratori locali vittime di attentati per causa di servizio’.
"I dati della relazione conclusiva della Commissione parlamentare d'inchiesta sul fenomeno delle intimidazioni nei confronti degli amministratori locali – si legge nella relazione - offrono un quadro allarmante:

Il capogruppo della Lista “Oliverio Presidente” della Regione Calabria Orlandino Greco Il capogruppo della Lista “Oliverio Presidente” della Regione Calabria Orlandino Greco


dal 1 gennaio 2015 i primi cittadini dei comuni calabresi di Motta Santa Lucia, Amaroni, Albidona, Zagarise, Tropea, Stefanaconi, Brancaleone e Monasterace hanno pagato in prima persona il prezzo, soprattutto in termini economici ma anche di perdita della serenità familiare e personale, del ruolo istituzionale che ricoprono, a causa di una serie di attentati, atti intimidatori e minacce che si sono ripetuti più volte anche a danno degli stessi amministratori”.
“Negli ultimi mesi del 2014 non sono stati pochi i casi all'attenzione della Commissione d'inchiesta per i quali sono stati individuati e arrestati i responsabili. E' un primo segnale positivo, in controtendenza, che aiuta a rompere la solitudine di chi combatte in trincea. Ma la Regione – sottolinea Orlandino Greco - può e deve fare di più perché le perdite economiche che i sindaci sono costretti ad affrontare, pesano non poco sui bilanci familiari, compromettendo il proseguo dell'azione amministrativa all'insegna della legalità e dell'interesse collettivo. Alla luce di tutto ciò, ho presentato una proposta di legge con l'obiettivo di offrire una tutela ai sindaci (i più colpiti da attiintimidatori) dei comuni calabresi, nonché agli amministratori locali in genere, attraverso un indennizzo, al fine di non fare sentire gli amministratori locali abbandonati dalle istituzioni sovracomunali e, soprattutto, al fine di creare un deterrente a simili azioni criminali, colmando un vuoto legislativo regionale in tal senso. Solo la Regione Sardegna infatti – evidenzia Greco - ha una legge simile approvata nel 1998 e i dati statistici dimostrano come, proprio a seguito di quella data,  ci sia stata una drastica riduzione delle azioni intimidatorie nei confronti degli amministratori locali. L'istituzione di un nuovo di capitolo a copertura delle spese derivanti dall'attuazione della presente proposta di legge garantirebbe un risarcimento nei confronti di amministratori dei comuni calabresi purché presentino i requisiti di risarcibilità elencati nella proposta di legge. Sono previsti dei requisiti particolari per l'ottenimento dell'indennizzo dei danni causati da attentati subiti nell'espletamento del mandato o entro un anno dalla cessazione del medesimo, e comunque in relazione all'esercizio delle funzioni ricoperte. La Regione Calabria, inoltre, potrà esercitare azione di rivalsa nei confronti dei responsabili eventualmente individuati anche in seguito all'erogazione dell'indennizzo”.
“Attraverso questa proposta di legge la Regione vuole stringersi intorno ai sindaci e agli amministratori locali che troppo spesso affrontano nella solitudine il dramma di chi subisce atti intimidatori nell'esercizio delle proprie funzioni. L'idea – conclude Orlandino Greco - è quella di costruire una catena istituzionale e sociale che unisca amministratori locali, Regione, forze dell'ordine e magistratura a difesa della legalità e a sostegno di chi quotidianamente si impegna a svolgere il proprio compito con serietà, passione e sacrificio contro ogni forma di violenza."