Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Lunedì, 25 Marzo 2019

La partita della solidarietà: “Insieme si può”

Un sabato pomeriggio segnato dal gol più importante, quello della solidarietà. Ed è  per questo, aldilà dei risultati e delle  performance calcistiche,  che si deve essere fieri. Soprattutto in questo momento di incertezze, ideare e realizzare iniziative con finalità nobili Un sabato pomeriggio segnato dal gol più importante, quello della solidarietà. Ed è  per questo, aldilà dei risultati e delle  performance calcistiche,  che si deve essere fieri. Soprattutto in questo momento di incertezze, ideare e realizzare iniziative con finalità nobili è necessario, così come fare "squadra". Apprezzabile, dunque, la decisione della città di Catanzaro,  con le  sue istituzioni politiche-amministrative(patrocinio dell'Assessorato allo sport e della lega nazionale dilettanti) sensibilizzate da Maurizio Rafaele (organizzatore dell'evento che ha avuto come motto "Insieme si può") di  rendersi utili e mettersi al servizio del bene. In questo caso,  con dei partner d'eccezione: la squadra di calcio nazionale Attori,  non nuova a queste manifestazioni legate alla beneficenza, ma dalla sua fondazione(1971,grazie al suo attuale direttore generale Livio Lozzi) ispirata ai valori del condividere.
Nell’occasione,  la partita fra i "politici di Catanzaro" e la Nazionale attori, disputata alla stadio "Nicola Ceravolo", ha promosso la  raccolta fondi, destinata al sostegno del reparto di onco-ematologia pediatrica dell'azienda ospedaliera "Pugliese -Ciaccio"e per l'Associazione di difesa e tutela degli  animali "Su la zampa".
Un fil rouge di simpatiche note di colore, tra musica e sport, raccontate  al microfono da Domenico Milani. E poi  l'esibizione dei finalisti del talent Eigh Stars prodotto da Catanzaroinforma.it. I giocatori entrano in campo sfilando insieme con i rappresentanti delle associazioni ed i loro "amici pelosi" e gli arbitri. Tutti coinvolti dal sentimento patriottico dell'inno di Mameli, intonato a "cappella" dalla testa della fila dalla sottoscritta, madrina dell'Evento con il mio cagnolino Arte al seguito,  mascotte della giornata; sciolte le file dopo scambio di gagliardetti, strette di mano tra i capitani Jhonny Corsi per i politici e Gaetano Amato per gli attori, si gioca ed anche duro, sfidando il bellissimo sole e la temperatura quasi estiva che premia il pubblico degli spalti, curioso soprattutto di osservare gli artisti preferiti e sostenere i concittadini mentre tentano di farsi valere. Ma invano:  la nazionale Attori prende il sopravvento,  ed il mister Cesare Barchiesi resta soddisfatto del risultato finale e della vittoria assoluta. Forse sarebbe dovuto scendere in campo il sindaco Sergio Abramo, che avrebbe fatto sicuramente un pressing intenso o un attacco più incisivo. Lo ricordiamo, anche  per essere stato uno dei fondatori della squadra nazionale sindaci. Ma il vero  riconoscimento, oltre alla coppa che lo stesso sindaco ha  consegnato alla nazionale Attori è l'aver puntato sulla solidarietà! Iniziative come queste vanno sempre sostenute. Oltre alla finalità della raccolta fondi,  va evidenziato lo spirito di aggregazione, coniugato, come fa da sempre la nazionale calcio Attori, sport, spettacolo e lo stare insieme con amicizia. Tante  le figure positive di questa grande famiglia, da Livio Lozzi, direttore generale che racconta: "Cerchiamo di dare speranza agli altri, attraverso una passione, quella per il calcio, ed è sempre un piacere tornare in Calabria, questa terra mi ricorda un grande artista e giocatore della nostra squadra: l'amico Mino Reitano, maglia numero 7. Questo numero al quale era affezionato Mino, non e più utilizzato, resta l'emozione di ricordarlo indossato da Mino, che partecipava con grande sentimento sportivo e con  la sua autentica umanita' alle iniziative benefiche. Resta idealmente di Mino la maglia numero 7 e l'abbiamo consegnata a Patrizia sua moglie". Ed  ancora, parte di questa bella famiglia, il presidente Edoardo Siravo, Giuliano Saggia, responsabile della comunicazione, Alessandro Ricci, medico ufficiale che segue e cura con affetto ormai da anni questi giovani ed “eterni giovani” ,come lui stesso afferma: "Ormai sono diventati tutti dei figli". E  poi tra i responsabili:  l'attore Francesco Giuffrida, sempre attento  che l'organizzazione sia perfetta; la gradevole presenza di Giulio Micuzzi e tutti i giocatori che si alternano nelle varie formazioni messe a punto dai mister. Tra gli altri, in questa particolare occasione:  l'attore Saverio Vallone, che ha un legame speciale con la Calabria, spiega: "Il richiamo per questa terra è forte. Le origini non si possono dimenticare, mio padre Raf amava questi luoghi ed io ci ritorno sempre volentieri, sia in vacanza che per lavoro. Venire a giocare qui mi ha fatto molto piacere". Tra  i volti noti:  Andrès Gil,Emanuele Propizio,Stefano Masciolini,Marcelo Fuentes,Riccardo Sardone',Vincenzo Messina,Samuele Mecucci,Ludovico Fremont. Tutti hanno elargito con entusiasmo contagioso  sorrisi ed autografi alle loro fan.
Questo abbraccio ideale di anime crea un energia che si rinnova e che fa bene a coloro che vi partecipano ed indirettamente  all’intera collettività.