Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Martedì, 15 Ottobre 2019

Alta Valle del Trionto. L’universo, la terra, la danza delle ginestre

Divenire fiori e sbocciare. Invadere i prati, le colline, le valli, le montagne, il mondo. Questo dovremmo imparare noi uomini a primavera, come un sapere alchemico. 

E non c’importi dell’universo: ci basti, invece, quest’angolo di Terra, nel cuore della Sila Greca. Dove sono, nell’universo, fiori come quelli che ho dinanzi agli occhi? Dove sono i colori smaglianti, i profumi aulenti? E’ proprio stupido quell’americano ricco sfondato che vuole colonizzare la Luna, dopo che i suoi sodali hanno insozzato la Terra. Elon Musk, ma le hai mai viste le ginestre a giugno in Sila Greca? E le vecce, le orchidee, le viole, i papaveri dai fragili petali? E hai mai sentito il profumo dell’elicriso e del timo? E hai accarezzato con il palmo della mano le spighe di grano sull’altopiano, mentre danzano, nel vento, e sussurrano alle ginestre? Siamo qui, oggi, con “Cammina Acri” che ha fatto fiorire, anzi rifiorire la comunità di Acri.  Fiori tra i fiori, colori fra i colori, umori fra gli umori, spiriti fra gli spiriti. E ci acceca la luce vivida del mattino. E ci inonda il giallo tenero e dolce della ginestra comune e quello più amaro e denso della ginestra dei carbonai. E quando giungiamo al grano, in fila indiana ai margini del campo, è come essere in riva a un mare verde pallido, increspato di chicchi e vibrisse che tremano nel vento. E poi i ciliegi carichi di perle cremisi. E poi Angelo, che racconta le pietre, le colline, le piante, il tempo, lo spazio, l’orizzonte. E poi i pini ombrosi. E qui, scalzi, a ondeggiare come spighe nella musica sublime del sax, del clarino e del flauto di canna di Danilo. Che suona come uno Steve Lacy mediterraneo. E poi il cammino, il ritorno, i racconti. E poi il Fiume Trionto, in forma di pagliuzze d’oro sulla sabbia di granito. E poi l’accoglienza, l’acqua fresca, il vino, i sapori dalle due giovani pastore-laureate della Sila Greca. Che hanno realizzato il sogno dei loro avi, hanno onorato il loro principio di individuazione. E poi il pino dove Norman Douglas riposò durante il suo cammino nelle viscere della storia d’Europa, nell’“Old Calabria”. Ecco, è compiuto il rito, evocato il mito. Non abbiamo lune, satelliti, pianeti, galassie da conquistare, ma solo i nostri luoghi, i nostri cuori da rigenerare. Nella valle del Trionto in un mattino di primavera. Nella danza delle ginestre al suono d’un flauto di canna.