Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Venerdì, 13 Dicembre 2019

Mercoledì 17 incontro con i giornalisti per la prima "Conferenza regionale contro la violenza alle donne"

Mercoledì 17 ottobre (con inizio alle ore 11.00), nell’Aula Giuditta Levato del Consiglio regionale, il coordinatore dell’Osservatorio sulla violenza di genere Mario Nasone con la vice coordinatrice Giovanna Cusumano e la componente Caterina Elmi, terranno una conferenza stampa alla quale parteciperà il presidente del Consiglio regionale Nicola Irto.

Oggetto dell’incontro con i giornalisti è la prima Conferenza regionale sulla violenza alle donne in programma venerdì 26 ottobre nella sala Calipari di Palazzo Campanella a Reggio Calabria. “Finalità dell’evento - spiega Mario Nasone - è offrire una lettura aggiornata del fenomeno della violenza di genere in Calabria; fare il punto sulle azioni di contrasto attivate a livello regionale e locale, raccogliere indicazioni e proposte per l’elaborazione di un Piano regionale di contrasto alla violenza di genere da proporre alla Giunta regionale”.

I destinatari principali della Conferenza sono i centri anti violenza, i comuni, le scuole, le aziende ospedaliere, gli ordini professionali, gli uffici giudiziari, le forze dell’ordine e le associazioni. Alla prima Conferenza l’Osservatorio regionale sulla violenza di genere vuole chiamare a raccolta tutte le varie espressioni delle istituzioni e della società calabrese, “per attivare una risposta comune rispetto ad una problematica che, secondo i dati più recenti, vede la Calabria al secondo posto tra le regioni più colpite dal fenomeno, come d’altronde è confermato anche dai numerosi fatti di cronaca che documentano questa drammatica realtà”