Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Giovedì, 18 Luglio 2019

Wanda Ferro (G.misto): “Si diano risposte ai problemi sollevati dai consorzi di bonifica”

“Sembra cadere nel vuoto qualunque appello rivolto al presidente Oliverio affinché vengano risolte problematiche importanti, come quelle che riguardano la reale possibilità per i consorzi di bonifica di offrire i loro servizi al territorio e alle aziende agricole. Wanda FerroPiù di un mese fa  - afferma la consigliera regionale Wanda Ferro (Gruppo misto) - io stessa avevo chiesto al ‘governatore’ di farsi carico del preoccupato grido di allarme lanciato dal presidente del Consorzio Ionio Catanzarese Grazioso Manno, sulla mancata destinazione di risorse agli enti consortili, impossibilitati  a svolgere il loro lavoro nella manutenzione delle opere di bonifica e degli impianti irrigui. Una asfissia finanziaria che ha costretto anche all’avvio di procedure di licenziamento per il personale. Eppure - aggiunge Wanda Ferro -  nessun segnale arriva dal ‘buén retiro’ di Oliverio, da quelle stanze al decimo piano della Cittadella evidentemente troppo elevate e ovattate perché il lungo riposo del governatore venga disturbato dalle proteste e dalle richieste di aiuto che arrivano da tutte le organizzazioni di categoria, da Confagricoltura a Coldiretti, oltre che dalle organizzazioni sindacali del comparto. La Regione è rimasta inerte anche dopo i danni che i nubifragi dello scorso mese di gennaio hanno provocato alle strutture consortili situate lungo i fiumi Simeri e Alli, creando una situazione di pericolo per l’incolumità pubblica e sopratuttoil concreto rischio di non potere erogare il servizio irriguo alle aziende agricole di tutta l’area dell’alto Ionio catanzarese”. Conclude la consigliera regionale: “E’ necessario che la Regione faccia la propria parte, destinando le risorse necessarie ad assicurare la messa in sicurezza del territorio e il ripristino di quegli impianti da cui  dipende la sopravvivenza di quelle imprese agricole che rappresentano una fetta importante dell’economia di questa parte di Calabria”.