Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Giovedì, 19 Settembre 2019

Mangialavori (CdL): “Due mesi per l'esito istologico. Il calvario di una paziente operata per neoplasia”

“In data odierna ho inviato una missiva al commissario ad acta per la Sanità calabrese, ingegnere Massimo Scura, per segnalare alcune gravi disfunzioni del reparto di Anatomia patologica del Policlinico di Germaneto”.
E’ quanto rende noto il consigliere regionale Giuseppe Mangialavori (CdL).

Giuseppe Mangialavori (Casa delle Libertà) Giuseppe Mangialavori (Casa delle Libertà)


“Riportato nella lettera il caso di una paziente che ha subito un intervento di mastectomia bilaterale a seguito di una diagnosi di patologia tumorale. Un inesauribile calvario fonte di ansia e dolore. Sono trascorsi due mesi dalla dimissione della paziente ma a tutt’oggi non le sono state consegnate le risultanze mediche istologiche degli accertamenti effettuati. Una situazione gravissima e inaccettabile - condanna Mangialavori - che sta seriamente pregiudicando il diritto alla cura di questa paziente. Aggiungo che non si tratta di un caso isolato, ma dell’ordinario modo di operare del reparto, non di certo, per responsabilità del personale che è capace e preparato. Ma per evidenti disfunzioni organizzative e gestionali che occorre superare definitivamente con sollecitudine”.
“E così accade che mentre la politica e la gestione della sanità discuta di rete ospedaliera e azienda unica sanitaria, i pazienti sono costretti, loro malgrado, - stigmatizza il consigliere - a subire inaccettabili ritardi. Il diritto dei cittadini di curarsi adeguatamente subisce, in tal modo, giornaliere e crescenti compressioni, in costante violazione dalla Costituzione, limitato, soprattutto negli ultimi anni, da scelte politiche tese al taglio dei costi, non sempre giustificato e razionale. Occorre senza indugio avviare una politica sanitaria appropriata, ormai assente dalla Calabria da molti (troppi) lustri” - conclude Giuseppe Mangialavori.