Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Mercoledì, 21 Agosto 2019

Mangialavori (CdL): “Expo e dintorni, Calabria e calabresi verso nuove opportunità”

“Nei giorni scorsi ho promosso un’interrogazione a risposta scritta avente ad oggetto: ‘Expo 2015, preoccupante ritardo di strategia politica e progetti qualificanti la partecipazione della Regione Calabria’.

Giuseppe Mangialavori (Casa delle Libertà) Giuseppe Mangialavori (Casa delle Libertà)


La più grande esposizione universale - afferma il consigliere Giuseppe Mangialavori (CdL) offre, infatti, opportunità uniche che urge capitalizzare. In primis, assicurare la promozione delle tecnologie finalizzate a garantire cibo sano, sicuro e sufficiente per tutti i popoli, nel rispetto del pianeta e dei suoi equilibri. Intorno a questo evento la città meneghina allestisce tante altre iniziative di qualità. Un modo saggio - asserisce Mangialavori - per allargare la piattaforma di un confronto di idee e soluzioni condivise sul tema dell’alimentazione e promuovere le innovazioni per un futuro sostenibile. La conferma di tutto questo è data dalla scelta di Confartigianato Calabria che ha deciso di partecipare ad un evento parallelo, denominato ‘Fuori dall’expo’ che consentirà alle ditte regionali di esporre i loro prodotti. Quest’ultimo, infatti, è lo spazio espositivo parallelo al Padiglione Italia di 1.800 metri quadrati presente all’Esposizione Universale. A tale riguardo va infatti sottolineato che Expo 2015 è evento squisitamente culturale. E pertanto, le rigide regole imposte dall’organizzazione internazionale che sovraintende alla sua gestione impediscono qualsiasi utilizzo di marchi aziendali a fini pubblicitari, meno che mai la commercializzazione diretta. L’auspicio - conclude Giuseppe Mangialavori - è che l’amministrazione regionale, già attivatasi per la partecipazione all’Expo, valorizzi sapientemente la presenza delle realtà culturali (e non solo) calabresi in occasione delle manifestazioni d’eccellenza che interesseranno il capoluogo lombardo nei prossimi mesi”.