Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Mercoledì, 16 Ottobre 2019

Mangialavori: ”La Giunta regionale assicuri la funzionalità della Biblioteca di Soriano Calabro”

“Con la legge 19 del 1995, considerata la significativa valenza culturale del centro, la Regione Calabria aderiva all’Istituto della Biblioteca Calabrese di Soriano Calabro con lo scopo di“raccogliere, conservare e rendere fruibili i segni della cultura calabrese”.

Giuseppe Mangialavori (Casa delle Libertà) Giuseppe Mangialavori (Casa delle Libertà)


Per conseguire tale dichiarato obiettivo – afferma Mangialavori - la legge prevedeva un contributo annuo come garanzia di operatività e presenza della Biblioteca. È innegabile, infatti, che essa costituisca per la Calabria uno dei più importanti presidi culturali, apprezzato ben oltre i confini regionali. L’istituto, infatti – prosegue Giuseppe Mangialavori - vanta un patrimonio librario unico, composto da testi rari e antichi di inestimabile valore. Ad oggi, sono circa 35 mila i volumi presenti. Nonostante ciò, i finanziamenti regionali sono stati concessi dalla Regione fino al 2011. In data successiva, l’Ente non ha corrisposto alcuna somma per il mantenimento della Biblioteca. Eppure, una politica funzionale a uno sviluppo armonico della società – sottolinea Giuseppe Mangialavori - non può prescindere da scelte tese a valorizzare la cultura di una comunità e il suo senso identitario. E a tale proposito, va detto che l’Istituto della Biblioteca Calabrese costituisce uno dei polmoni culturali della Calabria e, quindi, suo organo di vitale importanza. La permanenza di questa autentica infrastruttura culturale va tenacemente e prioritariamente perseguita, sia per il patrimonio librario custodito, sia per le sue innumerevoli potenzialità di positiva aggregazione sociale, come la presentazione di libri, lo svolgimento di convegni, finalità educative e didattiche. Per tutte queste ragioni, ho chiesto formalmente alla Giunta regionale se intenda adottare misure orientate ad assicurare la presenza e il mantenimento dell’Istituto della Biblioteca Calabrese di Soriano Calabro, mediante l’erogazione del contributo già previsto dalla legge 19/1995 o di altra somma, comunque congrua, atta a garantirne la regolare attività”.