Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Domenica, 20 Ottobre 2019

Nasce Unindustria. Squinzi: “Più efficienza e spending review”

E’ stato Giorgio Squinzi in persona a voler battezzare Unindustria Calabria. Il nuovo soggetto associativo, novità assoluta che pone la nostra Regione all’avanguardia nel Mezzogiorno, mette in rete industriali e imprese delle cinque province.
“Come presidente di Confindustria – ha detto Squinzi – sono molto orgoglioso di avere tenuto a battesimo questo nuovo soggetto associativo.

Presentazione del nuovo soggetto associativo "Unindustria Calabria"


Unindustria può essere considerata a pieno titolo come un nuovo modello di sperimentazione di quel progetto di regionalizzazione dei servizi e della rappresentanza politico-organizzativa che il documento di attuazione della Commissione Presenti ha posto come obiettivo di medio termine”.
All’incontro di presentazione, che si è svolto a Lamezia Terme, hanno preso parte anche il presidente regionale Giuseppe Speziali e delle cinque associazioni territoriali della Calabria: Daniele Rossi (Catanzaro), Natale Mazzuca (Cosenza), Michele Lucente (Crotone), Andrea Cuzzocrea (Reggio Calabria) e Antonio Gentile (Vibo Valentia). Tutti assai convinti della bontà del progetto in itinere. “Stiamo realizzando una mirata ed efficiente spending review di sistema – il punto di vista delle Confindustrie calabresi – che consentirà, grazie al processo aggregativo realizzato, di essere più presenti, autorevoli ed efficaci. L’aggregazione ha messo in atto interventi coordinati per il miglioramento continuo della macchina organizzativa, ne ha ridisegnato il profilo e sviluppato le competenze per renderne più efficace ed efficiente l’offerta, ampliando la quantità e la qualità della stessa, a beneficio degli imprenditori. Il prossimo passo riguarderà la messa in atto di azioni mirate di rappresentanza e di proposte tese a rilanciare l’economia e ad innescare processi di sviluppo in maniera virtuosa e duratura”.
L’incontro di presentazione di Unindustria è stata preceduta dalle assemblee delle associazioni provinciali, convocate per l’approvazione dello statuto della nuova associazione e della delibera di scioglimento di Confidustria Calabria “per esaurimento dei compiti e della mission in ossequio alla riforma del sistema di Confindustria”.
Le Associazioni degli Industriali aderenti a Confindustria Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria e Vibo Valentia, in buona sostanza,  hanno deciso di intraprendere un percorso di aggregazione che “è partito dalla messa in comune dei servizi, attraverso un modello organizzativo a rete che ha saputo affinare prima e consolidare poi modalità e prassi operative, da trasferire, secondo steps programmati e definiti, alle connesse attività di rappresentanza, fino alla condivisione degli Organismi Politici, con l’obiettivo di conseguire economie di scala, mantenendo capillarità e prossimità alle imprese.

Il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi Il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi


L’attività svolta dal sistema confederale per conto delle imprese associate è molto cresciuta nel corso degli anni. In questo contesto – proseguono i presidenti delle Confindustrie provinciali - caratterizzato da mutamenti continui, imprenditori associati e mercato richiedono capacità di ascolto e di risposta qualificata e tempestiva alle proprie esigenze, attraverso efficaci azioni di rappresentanza, autorevole interfaccia legislativa, trasparente e riconosciuta rappresentanza degli interessi generali, ruolo attivo nella promozione della cultura d’impresa e di stimolo per progetti ed iniziative tese allo sviluppo ed alla crescita economica e sociale, offerta di assistenza mirata e servizi specialistici omogenei e qualificati su tutto il territorio regionale. Il sistema produttivo è chiamato ad affrontare sfide che, pur comportando ulteriori momenti di difficoltà, rappresentano uno stimolo ed una opportunità per introdurreelementi di innovazione e cambiamento.
L’obiettivo è stato dare vita ad una rinnovata struttura a rete in grado di garantire in ognuna delle “Articolazioni Territoriali” la stessa offerta e lo stesso grado di efficacia ed efficienza nel sistema di erogazione e di interfaccia con le imprese associate, di pari passo con il riposizionamento dell’azione di rappresentanza e di interlocuzione istituzionale ai vari livelli”.
Un risultato straordinario che, secondo il presidente di Confindustria di Reggio Andrea Cuzzocrea, deve essere esempio per la politica. “Il nostro auspicio – dice Cuzzocrea – è che il percorso di razionalizzazione e rinnovamento messo in atto attraverso Unindustria, per dare vita a un sistema di rappresentanza più forte e all’erogazione di servizi più efficienti, ispiri anche il mondo politico in un momento decisivo per il futuro del nostro territorio”.