Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Domenica, 26 Gennaio 2020

Gli appuntamenti del Magna Grecia Teatro Festival

Un teatro itinerante che accarezza i siti archeologici più  affascinanti della Calabria. È il Magna Graecia Teatro Festival, giunto alla decima edizione e diretto, per il terzo anno, da Giorgio Albertazzi e organizzato dall'assessorato alla Cultura della Regione Calabria, il Un teatro itinerante che accarezza i siti archeologici più  affascinanti della Calabria. È il Magna Graecia Teatro Festival, giunto alla decima edizione e diretto, per il terzo anno, da Giorgio Albertazzi e organizzato dall'assessorato alla Cultura della Regione Calabria, il cui presidente Mario Caligiuri ha partecipato alla conferenza stampa di presentazione tenutasi a Roma mercoledì 3 luglio alla presenza del critico d’arte Vittorio Sgarbi, del Presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti, del Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Calabria Francesco Prosperetti, e del già citato direttore artistico del Festival, Giorgio Albertazzi. “Agorà, la piazza, la polis”: con tale tema la rassegna esordirà a Reggio Calabria il 13 luglio, anniversario dell'inizio dei Moti di Reggio, con la rappresentazione dell'opera lirica “Pagliacci”. Si proseguirà fino al 29 agosto con grandi nomi del panorama culturale nazionale: Massimo Ranieri (nella rappresentazione del Riccardo III di Shakespeare prodotta con la collaborazione del Festival Shakespeariano di Verona), Michele Placido (con lo spettacolo “Amor ch'a nullo amato amar perdona”), Elisabetta Pozzi, Mariangela D'Abbraccio, il duo Battaglia e Miseferi, Caterina Costantini, Lorenza Guerrieri e Riccardo Polizzy Carbonelli. Impegnati in tale progetto anche giovani drammaturghi, registi, musicisti e attori con produzioni originali scritte appositamente per il Festival, come Ilaria Porceddu, Attilio Fontana ed Emiliano Reggente e la Banda Borbonica. La Compagnia Officine Jonike, Porta Cenere, Il Vaporetto Allegro, Associazione Culturale La Meta riproporranno temi tipici della realtà regionale e classici rivisitati in chiave contemporanea (la tragedia di Medea e il Simposio di Platone, per citarne alcuni). Tredici spettacoli cinquantuno rappresentazioni: un’estate teatrale calabrese che percorre l’intera regione. Protagonisti indiscussi i siti messi a disposizione dalla Soprintendenza ai beni archeologici e culturali della Regione Calabria: Il Parco Archeologico Scolacium a Borgia (Catanzaro), la Villa Romana di Casignana (Reggio Calabria),il Parco Archeologico di Sibari a Cassano allo Ionio (Cosenza), il Parco Archeologico di Capo Colonna a Crotone, l'Anfiteatro dei Ruderi di Cirella a Diamante (Cosenza), l'Abbazia Benedettina di Lamezia Terme (Catanzaro), il Parco Archeologico di Locri Epizefiri a Locri (Reggio Calabria), il Parco Archeologico di Kaulon a Monasterace (Reggio Calabria), il Parco Archeologico dei Tauriani a Palmi (Reggio Calabria), la Torre Marrana di Ricadi (Vibo Valentia), Reggio Calabria, l'Area Archeologica dell'antica Medma di Rosarno (Reggio Calabria), il Castello Normanno-Svevo di Vibo Valentia.