Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Domenica, 20 Ottobre 2019

Cannizzaro (CdL) presenta a Crotone la P.L. sui bisogni educativi speciali

In una società in cui i linguaggi prevalenti tendono all’omologazione culturale che rischia di trascurare le diverse sensibilità e le esigenze dei minori con  difficoltà di apprendimento è necessario cogliere la sfida di un sistema scolastico capace di gestire efficacemente In una società in cui i linguaggi prevalenti tendono all’omologazione culturale che rischia di trascurare le diverse sensibilità e le esigenze dei minori con  difficoltà di apprendimento è necessario cogliere la sfida di un sistema scolastico capace di gestire efficacemente i bisogni educativi speciali dei giovani, sostenendola con opportuni provvedimenti legislativi. Va in questa direzione la proposta di legge “Strumenti d’intervento per gli alunni con bisogni educativi speciali ed organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica” a firma del consigliere regionale Francesco Cannizzaro (capogruppo della Casa delle Libertà).LOCANDINA
Dopo Reggio Calabria e Catanzaro, su invito della consigliera regionale Flora Sculco (capogruppo di Calabria in rete), il consigliere Cannizzaro presenterà la proposta normativa presso l’auditorium scolastico dell’I.C. “Sandro Pertini” di Crotone venerdì 17 marzo con inizio alle ore 16.00.
“Il progetto di legge che renderà la Calabria apripista nelle politiche d’inclusione scolastica - spiega Francesco Cannizzaro - pone l’alunno al centro del percorso educativo prevedendo interventi mirati e personalizzati nonché competenze e risorse più efficaci ed appropriate rispetto ai bisogni cosiddetti speciali”.
Fra gli obiettivi principali del testo di legge quello di “regolamentare, organizzare e disciplinare gli interventi per soddisfare tutte le richieste del territorio inerenti una tematica così delicata. Inoltre - puntualizza Cannizzaro - la carenza di una banca dati regionale di soggetti con bisogni educativi speciali ancor più spinge a fornire indicazioni precise a tutti i servizi coinvolti”.
Al seminario formativo - informativo interverranno l’assessore ai Servizi sociali del comune di Crotone, Alessia Romano; i dirigenti scolastici del Liceo Scientifico “Da Vinci” di Reggio e del CTI Istituto Comprensivo “Galluppi-Collodi-Bevacqua”, rispettivamente Giuseppina Princi e Mariantonia Puntillo e la neuropsichiatra infantile Asp Cz, referente per la disabilità Dipartimento della Salute della Regione Giuseppina Russo. Seguirà la relazione di Francesca Cartellà direttore regionale ANPEC Calabria (associazione nazionale pedagogisti clinici).
L’iniziativa - che sarà coordinata dal Capo Ufficio Stampa del Consiglio regionale Romano Pitaro - costituisce l’occasione per presentare l’articolato normativo a dirigenti scolastici, docenti e operatori del settore socio-educativo e per approfondire un dibattito sulla missione educativa e su una visione della scuola attenta ai bisogni.
A conclusione del seminario sarà rilasciato un attestato di partecipazione.