Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Lunedì, 18 Novembre 2019

L’Expo dal punto di vista della Calabria

“Nutrire il pianeta, energia per la vita”, è il tema posto all’attenzione dell’opinione pubblica mondiale ed alle istituzioni internazionali dall’Expo che si terrà a Milano dal 1 maggio al 31 ottobre 2015. L’evento – come definirlo diversamente? – richiama il “Nutrire il pianeta, energia per la vita”, è il tema posto all’attenzione dell’opinione pubblica mondiale ed alle istituzioni internazionali dall’Expo che si terrà a Milano dal 1 maggio al 31 ottobre 2015. L’evento – come definirlo diversamente? – richiama il genere umano di ogni latitudine ad affrontare in maniera razionale il futuro prossimo del nostro mondo che vede alla ribalta paesi e popoli che fino a qualche lustro vivevano in particolare stato di ritardo di sviluppo e di disagio sociale.
Grandi paesi come l’India, il Brasile, la Cina marcano livelli di crescita della ricchezza nazionale assolutamente imprevedibili, con caratterizzanti exploit delle rispettive bilance commerciali, performance che hanno rilanciato in maniera nuova e inaspettata la questione dei consumi alimentari, la loro quantità e qualità. Miliardi di esseri umani, dunque, non si accontentano più, come un tempo si diceva dei cinesi, ‘di una ciotola di riso’, ma chiedono adeguata considerazione per i loro livelli di vita.
Da qui, il grande tema del prossimo Expo, appuntamento cui la Calabria ha deciso di partecipare proponendo allo scenario internazionale le sue produzioni agroalimentari e tutto ciò di innovativo cheruota intorno al settore. Una occasione per misurarsi con la concorrenza internazionale, ma che offre opportunità di straordinaria potenzialità per il nostro sistema imprenditoriale e agricolo che, da solo, può davvero fare poco per conquistare lo spazio necessario per  andare oltre i confini nazionali fino ad  annoverare la nostra regione tra i territori di sicuro interesse per i consumer  internazionali.
Com’è noto, il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ha attivato uno specifico bando di gara per la selezione, nelle diverse filiere agricole e agroalimentari, di nuovi progetti con elevato contenuto di innovazione che saranno presentati nel corso dell’esposizione.
“In vista dell'Expo 2015 – ha spiegato l’assessore regionale alla cultura Mario Caligiuri - la Regione intende individuare esperienze di successo per presentarsi aquesto importantissimo appuntamento internazionale con gli esempi migliori. Pertanto, nei mesi scorsi è stato creato presso la Presidenza della Giunta regionale un coordinamento per proporre in modo efficace e unitario la Calabria a questo evento che può contribuire al rilancio economico e culturale di tutto il Paese”.