Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Mercoledì, 21 Agosto 2019

A Palazzo Campanella, un concerto per Maria Antonietta Rositani

“Ci fa particolarmente piace aprire le porte del Consiglio regionale per sostenere la famiglia Rositani

e ricordo bene quel giorno nel quale, parlando casualmente con Cinzia Nava, nasceva l’idea di promuovere un evento in nome di Maria Antonietta: un ulteriore tassello dell’impegno proficuo della CRPO sul territorio”. Così, il presidente del Consiglio regionale Nicola Irto, ha introdotto, nell’Aula Commissioni, il concerto jazz “Note di Speranza”  che si terrà mercoledì 28 giugno alle ore 19,30 nello spazio Agorà di Palazzo Campanella. “La finalità è raccogliere fondi per sostenere le tante spese (viaggio, vitto e di alloggio) che la famiglia Rositani si trova a dover affrontare.  E’ un contributo economico di ingresso che ciascuno in piena libertà sentirà di offrire”, ha spiegato la presidente CRPO, Cinzia Nava. L’evento, patrocinato e ospitato dal Consiglio regionale, è stato condiviso dalla Commissione Pari Opportunità rappresentata dalle componenti, dalla stessa Nava e dalla vicepresidente Monica Falcomatà;  dal Conservatorio Cilea con la direttrice Mariella Grande; dall’Inner Wheel di Reggio Calabria con la presidente Katia Poletti Lavilla, club promotore dell’iniziativa e dalla Fidapa Reggio Calabria, “Si è realizzata – ha aggiunto ancora il presidente Irto- una significativa operazione sinergica e di solidarietà che unisce diverse realtà del nostro territorio e che nell’occasione rilancia la violenza di genere. Infatti, pur nella sua tragicità, la vicenda di Maria Antonietta Rositani, ha rappresentato sicuramente un momento di svolta, avendo stimolato  una forte presa di coscienza e di vicinanza nella comunità reggina”. Alla conferenza stampa era presente Annie, la figlia della donna data alle fiamme dall’ex marito Ciro Russo, che ha rivolto parole di affetto e di ringraziamento verso i promotori dell’iniziativa ed ha aggiornato sulle condizioni della madre, sempre ricoverata al Centro Ustioni di Bari. “E’ stata sottoposta recentemente ad un intervento chirurgico di routine, ma per fortuna, la bella notizia è che lo scorso otto giugno è uscita alla terapia intensiva. Finalmente un po’di luce, dopo tanta sofferenza.  Sono commossa perché il concerto jazz “Note di Speranza” dimostra che è tanto l’affetto della città che in questa occasione trova un ulteriore stimolo nella sinergia tra Istituzioni e associazionismo”. Dunque,  al nome di una donna forte e coraggiosa, si lega un importante messaggio di solidarietà, ma anche formativo per dire no tutti insieme ad ogni forma di violenza. ”Per questo- concludono i promotori- confidiamo in una grande risposta da parte della cittadinanza”.