Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Giovedì, 17 Gennaio 2019

Neri e Viscomi: “Valorizzare l’immagine, l’identità e la reputazione della Polizia Locale in Calabria”

“La Polizia locale va presa sul serio”. Un coro unanime parte da Reggio Calabria. La sala ‘G. Levato’ del Consiglio regionale, gremita in ogni ordine di posto di addetti ai lavori della Polizia Locale, è stato il teatro perfetto per “La Polizia locale va presa sul serio”. Un coro unanime parte da Reggio Calabria. La sala ‘G. Levato’ del Consiglio regionale, gremita in ogni ordine di posto di addetti ai lavori della Polizia Locale, è stato il teatro perfetto per mettere in risalto il “Ruolo, la formazione e la riorganizzazione della Polizia Locale, in prospettiva di una Scuola e di una nuova legge regionale”. Con questo tema, il convegno è stato organizzato per porre l’attenzione su un aspetto fondamentale per gli enti locali calabresi: la Polizia Locale e la necessità di ridisegnare la legge regionale che regola il suo ordinamento.polizia locale - neri - viscomi3
L’incontro promosso dal Segretario Questore del Consiglio regionale Giuseppe Neri, ha visto la partecipazione di esperti del settore. Ha moderato l’incontro Giuseppe Andidero (Vice Comandante PL Palmi), il quale dopo i saluti introduttivi di Nunzio Caridi (Esperto PL) ha dato la parola ai relatori del convegno: Domenico Crupi (Comandante Polizia Metropolitana RC), Nicola Salvato (Presidente Nazionale AnVU), Francesco Managò (Comandante PL Palmi), Salvatore Zucco (Comandante PL Lamezia), Giampiero Scaramuzzo (Comandante PL Cosenza) e Alfredo Priolo (Segretario Comunale – Esperto PL). Tutti gli interventi hanno pragmaticamente messo in risalto pregi e limiti della legge di riferimento della Polizia Locale, tracciando una strada da seguire per innovare un prestigioso corpo, troppo spesso bistrattato, manifestando la volontà di istituire un tavolo tecnico con tutti gli stakeholders.
Il tentativo di dare un nuovo corso al mondo della Polizia Locale in Calabria, arriva dunque dal segretario Questore Neri: “Ho particolarmente voluto quest’appuntamento, con gli addetti ai lavori, per sottolineare e ribadire l’importanza di riorganizzare la legge regionale che regola l’ordinamento della Polizia Municipale, la L.R. 24 del 1990. polizia locale - neri - viscomi4Ed in particolar modo l’art. 8, che disciplina l’istituzione di una Scuola regionale mirata alla formazione e al costante aggiornamento del personale. In questa prospettiva vorremmo creare una struttura che valorizzi lo sviluppo dell’identità di ruolo e di culture professionali qualificate nei livelli apicali della Polizia Locale”.
L’obiettivo del convegno, al quale hanno partecipato molti comandi della regione Calabria, è stato quello di trovare la strada per raggiungere l’obiettivo sperato: riordinare e innovare la Polizia Locale in Calabria. L’intento dunque è stato quello di ascoltare e dar voce all’istanze provenienti da un autorevole corpo, regolatore della vita di tutti i giorni nello spazio pubblico delle città.
Neri ha ribadito l’attenzione della politica regionale a riguardo: “Dopo quasi trent’anni, l’obiettivo della Regione Calabria è quello di costruire un vero e proprio sistema regionale di Polizia Locale. Un sistema incardinato sugli enti locali, ma omogeneo su tutto il territorio regionale. Il convegno di oggi rappresenta un punto di partenza verso un percorso di coinvolgimento e di sinergia con tutti gli attori principali che orbitano attorno alla Polizia Locale. Lo scopo è quello di migliorarla, renderla efficiente restituendole il prestigio che merita”.
foto1Le conclusioni sono state riservate al Prof. Antonio Viscomi, Vicepresidente della Giunta regionale: “La vera sfida è quella di riformare l’apparato amministrativo. Da qui deve partire una rivoluzione calabrese che deve necessariamente guardare alla Polizia Locale.” Il Vicepresidente ha più volte sottolineato il prestigio che contraddistingue il corpo della PL, riferendosi agli agenti, agli ufficiali e ai comandanti presenti in sala: “Voi siete sinonimo di vocazione, dedizione al lavoro per e con la gente. Per questo, non lasceremo i vostri appelli inascoltati. Al più presto ci incontreremo e scriveremo assieme le modifiche da apportare ad una legge che ha bisogno di essere riordinata. La Calabria non ha un problema di risorse, ma ha la responsabilità di saper spendere bene le risorse che ha. E in questo senso cercheremo di trovare insieme a voi, e dal basso, la strada per arrivare all’Istituzione della Scuola regionale di formazione. Anche prendendo spunto da esempi virtuosi di alte regioni.”
Gli strumenti attraverso i quali l’istituzione di un tavolo tecnico vuole intervenire, con la riorganizzazione dellalegge regionale sono:

- l’istituzione di corsi di formazione professionali specializzanti;

- uniformare mezzi e abbigliamento ad un unico logo o fregio regionale;

- usufruire e valorizzare supporti tecnologici di ultima generazione;

- creare degli standard essenziali di servizio delle strutture di polizia locale;

- creare criteri e sistemi di selezione uniformi per l’accesso al ruolo di agenti   ed ufficiale di polizia locale;

-l’istituzione di un albo regionale della figura di Comandante.

Da questo tavolo partirà la sfida di Neri e Viscomi, per innovare e riassettare la Polizia Locale in Calabria.