Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Giovedì, 18 Luglio 2019

Chizzoniti chiede la pubblicazione integrale del dibattito nelle commissioni

Chiede la pubblicazione integrale del dibattito che si svolge nelle Commissioni consiliari il presidente della Commissione di Vigilanza del Consiglio regionale,  Aurelio Chizzoniti, che afferma: “La pubblicazione delle verbalizzazioni, ai sensi dell’art. 85 comm. 2 del vigente Regolamento del Consiglio Chiede la pubblicazione integrale del dibattito che si svolge nelle Commissioni consiliari il presidente della Commissione di Vigilanza del Consiglio regionale,  Aurelio Chizzoniti, che afferma: “La pubblicazione delle verbalizzazioni, ai sensi dell’art. 85 comm. 2 del vigente Regolamento del Consiglio regionale, può essere già disposta dai Presidenti delle Commissioni. Tuttavia sarebbe opportuno modificare urgentemente l’art. 85 del Regolamento, laddove non consente – ope legis - la diffusione del resoconto completo demandandone la facoltà al Presidente”. La richiesta è contenuta in una lettera che il presidente Chizzoniti ha inviato ai Presidenti del Consiglio e della Giunta  regionale; al Presidente della  Commissione contro la ‘ndrangheta, al Presidente della  Commissione Affari istituzionali, affari generali, riforme e decentramento; al Presidente della  Commissione Bilancio, programmazione economica e attività produttive,  affari dell'Unione Europea e relazioni con l'estero; al Presidente della  Commissione Sanità, Attività sociali, culturali e formative; al Presidente della  Commissione Assetto e utilizzazione del territorio e protezione dell'ambiente ed a  tutti i Presidenti dei Gruppi consiliari. L’iniziativa del presidente Chizzoniti prende avvio dalla seduta della Commissione contro la ‘ndrangheta svoltasi giovedì scorso.  Riscontrata l’assenza dal resoconto dei lavori della Commissione di alcune sue opinioni sul contrasto alla criminalità organizzata, Chizzoniti ha preso carta e penna e formulato una proposta puntuale, “anche al fine di rendere del tutto trasparente l’attività istituzionale”.  Scrive: “Nel contesto dell’attività istituzionale della Commissione consiliare anti ‘ndrangheta, coordinata dal presidente Salvatore Magarò (giovedì scorso), si è consumato un importante step nell’ambito dell’esame della proposta di legge regionale sul fenomeno mafioso. Il cui testo, per unanime ed espressa volontà dei componenti della predetta Commissione, dovrà essere arricchito dal contributo dei rappresentanti delle associazioni audite ed audende e di altri riferimenti istituzionali. Poiché trattasi di materia estremamente delicata che postula chiarezza ed anche il ripudio di qualsivoglia posizione ipocrita, ritengo quanto mai opportuno, sul versante della nitidezza delle rispettive posizioni, che il contenuto delle audizioni, indipendentemente dall’oggetto cui si riferiscono, venga comunicato alla collettività non mediante resoconti sommari, ma integrali. A tale proposito, segnalo che la pubblicazione completa delle verbalizzazioni, ai sensi dell’art. 85 comm. 2 del vigente Regolamento del Consiglio regionale della Calabria, può essere già disposta dai presidenti degli  organi consiliari. Ma, a mio sommesso e rispettoso avviso, al fine di sollevare i predetti coordinatori da qualsivoglia responsabilità, sarebbe opportuno modificare urgentemente e in parte qua l’ art. 85 del Regolamento, laddove non consente - ope legis - la diffusione del resoconto completo demandandone la facoltà al Presidente. Del resto - argomenta il presidente Chizzoniti - mi appare illogico, contraddittorio ed in netto quanto insanabile conflitto con la tanto sbandierata trasparenza, se poi la stessa si confonde agevolmente con la non condivisibile invisibilità di importanti atti Parlamentari regionali”. Semplicemente perché, conclude Chizzoniti, “In claris non fit interpretatio”.