Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Venerdì, 24 Gennaio 2020

#CALREEuropeDay, Palazzo Campanella si colora di blu

In occasione della Festa dell’Europa che si celebra ogni anno il 9 maggio, palazzo Tommaso Campanella si colora di blu, con la proiezione della bandiera dell’Unione sulla facciata della sede del Consiglio regionale. Un atto di valore simbolico, volto a testimoniare anche visivamente lo spirito di appartenenza e di cittadinanza europea, in linea con le analoghe iniziative assunte
 
 
dalle assemblee regionali che fanno della CALRE (Conferenza dei Presidenti delle Assemblee regionali europee). L’iniziativa, denominata #CALREEuropeDay, intende essere un segno di piena e convinta condivisione dei valori di libertà e democrazia che stanno alla base del progetto europeo, di cui il Consiglio regionale della Calabria, guidato dal presidente Nicola Irto, è pienamente partecipe.

Il 9 maggio si celebra la Giornata della Festa dell’Europa. Il Consiglio regionale della Calabria, come tante altre Assemblee legislative regionali che fanno parte della Calre (Conferenza dei Presidenti delle regioni d’Europa), colorerà di blu, come il fondo della Bandiera europea, palazzo Tommaso Campanella, sede dell’Assemblea, con la proiezione della bandiera dell’Unione sulla facciata della sede del Consiglio regionale. Un atto di valore simbolico, volto a testimoniare anche visivamente lo spirito di appartenenza e di cittadinanza europea, in linea con analoghe iniziative in corso assunte dalle Assemblee regionali che fanno parte della CALRE (Conferenza dei Presidenti delle Assemblee regionali europee). palazzo bluL’iniziativa, denominata #CALREEuropeDay, rinnova un segno di piena e convinta condivisione dei valori di libertà e democrazia che stanno alla base del progetto europeo, di cui il Consiglio regionale della Calabria, guidato dal presidente Nicola Irto, è pienamente partecipe.
La festa dell’Europa celebra ogni anno la Pace e l’Unità raggiunte nel nostro Continente. in Europa. La data è l’anniversario della “dichiarazione di Robert Schuman” (ministro degli Esteri della Francia negli anni ’50) che quest’anno verrà celebrato anche dalle delegazioni dell’UE in tutto il mondo con numerosi eventi soprattutto a Bruxelles, sede della Commissione, e a Strasburgo, sede del Parlamento europeo. Quest’anno, la Festa dell’Europa avrà come obiettivo il tema:” Il nostro patrimonio culturale: dove il passato incontra il futuro”, uno stimolo per incoraggiare il maggior numero di persone a scoprire e lasciarsi coinvolgere dal patrimonio culturale dell’Europa e rafforzare il senso di appartenenza a un comune spazio europeo.
Palazzo blu3Il patrimonio culturale plasma la nostra identità e la nostra vita quotidiana. Ci circonda nelle città e nei borghi d’Europa, quando siamo immersi nei paesaggi naturali o ci troviamo nei siti archeologici. Non si tratta soltanto di letteratura, arte e oggetti, ma anche dell’artigianato appreso dai nostri progenitori, delle storie che raccontiamo ai nostri figli, del cibo che gustiamo in compagnia e dei film che guardiamo per riconoscere noi stessi.
Il patrimonio culturale ha un valore universale per ciascuno di noi, per le comunità e le società. È importante conservarlo e trasmetterlo alle generazioni future. Si può pensare al patrimonio come a “un qualcosa del passato” o di statico, ma in realtà si sviluppa attraverso il nostro modo di rapportarci ad esso. Per di più, il nostro patrimonio culturale ha un ruolo importante da svolgere nella costruzione del futuro dell’Europa. Questa è una delle ragioni per cui si voglio raggiungere le giovani generazioni coinvolgendoli ad un ruolo sempre più attivo ed efficace nel rafforzamento e nell’innovazione delle istituzioni europee, rafforzando la cooperazione tra i popoli del Vecchio Continente e scongiurando ogni pericolo di conflitti e di guerre tra le nazioni europee.