Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Sabato, 07 Dicembre 2019

Calabria-Svizzera: sinergia ed integrazione

Intervista al Console onorario di Svizzera per la regione Calabria Renato Vitetta

E’ il 2007 la data ufficiale dell’istituzione del consolato svizzero nella regione Calabria. A rappresentarlo nel ruolo di console onorario l’avvocato di origini svizzere Renato Vitetta. Lo abbiamo incontrato presso l’ufficio consolare onorario della Confederazione Svizzera di via Tenente Panella 4.
“E’ mio compito tutelare i diritti dei connazionali che si trovano sul territorio italiano- afferma Vitetta - sia in stato di necessità che di bisogno, per lavoro o per turismo.

Il console onorario di Svizzera per la regione Calabria avv. Renato Vitetta


Nel caso si verifichi uno stato di allerta è doveroso avvisare l’ambasciata di competenza. Il ministero per gli affari esteri svizzero è il filo diretto per prestare  assistenza a tutti i cittadini che hanno bisogno. Questa è la funzione principale accanto alla soluzione di altre problematiche riguardanti le due realtà, la Svizzera e la Calabria; e  proprio la Svizzera è un paese visto con molta simpatia dai luoghi vicini sia per la sua ricchezza che per la cioccolata, per le banche e dunque per la qualità di vita”. Del resto il Ministero degli Affari Esteri gli ha rinnovato tale incarico in data 4 luglio 2012 e con validità sino al 3 luglio 2017.
“A mio avviso- ha proseguito- manca la conoscenza reale, probabilmente perche tale realtà è ritenuta troppo costosa e poco alla portata di tutti”. Ginevra, Zurigo, Lucerna sono le tre città su dieci ritenute migliori per la qualità di vita,  così come per la Svizzera, l’Italia è la seconda partner commerciale dopo la Germania, mentre per l’Italia, la Svizzera ne rappresenta il quarto partner.
“I rappresentanti svizzeri sul territorio regionale  si aggirano intorno alle mille unità e come consolato favoriamo al meglio i rapporti e le sinergie tra i due paesi, a tal fine, diversi eventi sono stati promossi sul territorio calabrese che hanno permesso di far conoscere la Svizzera sotto svariati punti di vista. Dai convegni ai meeting sino agli accordi tra le due Camere di Commercio. A breve  ci accorderemo anche con la Camera di Commercio di Palermo e lo scorso anno è stato anche siglato, in qualità di  delegato delle due regioni Calabria e Sicilia, un accordo biennale con l’assessore regionale Fabrizio Capua per la Camera di Commercio italiana in Svizzera”.
Nei giorni scorsi un altro avvenimento ha interessato il consolato svizzero per la Calabria. E’ stato infatti inaugurato il primo circolo svizzero “Magna Grecia Reggio Calabria” alla presenza del console di Svizzera a Roma Mauro Gobbo, del  presidente nazionale del Collegamento Svizzero in Italia- Irene Beutler Fauguel unitamente al neo eletto presidente del circolo svizzero Claudio Coletta.
Una nuova realtà, un ulteriore tassello di congiunzione che la Svizzera ha inteso realizzare per rafforzare la piena sinergia ed integrazione degli svizzeri in Calabria. La multiculturalità, l’amicizia tra popoli di origini diverse, il rispetto per il prossimo, l’affidabilità, la solidarietà, la convivialità, il dinamismo sono i  valori e i principi fondanti il circolo, sostenendo e  favorendo i rapporti tra gli svizzeri che vivono nell’area di interesse, approfondendo e divulgando le tradizioni e la cultura svizzera. Tra i progetti futuri rientra una maggiore intensificazione nel settore commerciale, nel turismo e soprattutto nel settore scolastico, attraverso una progettualità che possa favorire e permettere un interscambio tra le scuole svizzere e calabresi.
Non dimentichiamo anche che da due anni è stato inaugurato il corpo consolare della Calabria e da due mesi lo stesso Renato Vitetta è presidente dello stesso corpo che comprende la Svizzera, Malta, Filippine, Ucraina, Marocco, Smom, coordinando in tale modo il lavoro di tutti gli stati esteri presenti sul territorio calabrese.
“Ricordiamo il rapporto tra l’istituto Vittorino da Feltre e l’istituto Fermi di Zurigo e quest’anno tra il liceo classico Europeo e il liceo Parini di Losanna. Ad ottobre saranno organizzate una serie di visite istituzionali per curare i rapporti con le varie città della provincia”.
Non si devono trascurare le tante associazioni di calabresi in Svizzera, “ le nostre radici non le dimentichiamo mai- riferisce Vitetta quando spesso si trova a contatto con i calabresi – oltre l’Italia c’è infatti una colonia di centomila personeche sono fiere di essere calabresi, che hanno diritto al voto e che sperano sempre di essere tutelati nel migliore dei modi”.