Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Giovedì, 18 Luglio 2019

La cantastorie calabrese Francesca Prestia a Lucerna

Applausi e calorosa accoglienza a Lucerna, la città del centro-nord della Svizzera, per l’esibizione musicale di Francesca Prestia.

Invitata da Unitre - l’Università popolare in lingua italiana, spagnola e portoghese - in collaborazione con l’Associazione calabrese di Lucerna, il Circolo Famiglia Amaronese e l’Associazione Club Fuscaldese, la cantastorie ha preso parte alla cerimonia di apertura dell’Anno Accademico 2018/2019 presso il Centro Papa Giovanni Seetalstrasse – Emmenbrücke. Il professor Angelo Maisano si è soffermato sul valore culturale della Calabria grecanica, «minoranza linguistica in via di estinzione che sopravvive nei borghi antichi di Bova, Pentedattilo, Roghudi, Bagaladi, Palizzi. Sono i paesi dell’Area grecanica – ha detto Maisano – che nell’estremo Sud della Calabria jonica, terra del Bergamotto, a pochi chilometri da Reggio, trattengono orgogliosamente le tracce di un passato glorioso che resistono nella lingua grika, un mix di greco antico e dialetto calabrese, parlato ancora dagli anziani».  Francesca Prestia, naturalmente, ha cantato anche le sue ballate in grecanico: “I Agàpi pirìa tu Thiù!”, “Ela, elamu condà” e “O Potamò”. Ha infine ringraziato per l’invito e l’ospitalità : «La vostra è una realtà - ha detto - che fa onore al meglio della nostra Calabria. Col vostro generoso impegno rappresentate la risposta al bisogno di formazione culturale, socializzazione e integrazione della popolazione emigrata che per motivi linguistici, familiari, professionali ed economici non ha potuto studiare o che semplicemente ha il desiderio di allargare il proprio orizzonte culturale. Anche all’estero la nostra cultura, che si è forgiata nei secoli grazie alle commistioni di popoli e di varia umanità, dà lezioni di civiltà e solidarietà. Fiera di essere calabrese!»