Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Giovedì, 18 Luglio 2019

La Federazione dei Circoli calabresi assegna sette benemerenze

C’è una Calabria lontana, una Calabria che comprende di fatto aree diverse del nostro paese che vuole continuare a tenere i legami con la terra d’origine. Uno stato d’animo, un sentimento misto tra ricordi e nostalgia verso chi continua a vivere nella terra natia.

Una Calabria fatta di tantissimi cittadini, stimati professionisti, che mantiene costante il rapporto con i calabresi seppur a migliaia di chilometri di distanza, ed essere vicina anche a chi, calabrese non lo è ma si dimostra calabrese nel cuore.

La premiazione dell'avvocato Maria Stefania Caracciolo
La premiazione dell'avvocato Maria Stefania Caracciolo

Con questo spirito la Federazione dei Circoli dei calabresi di stanza a Milano, che comprende circoli ed associazioni che operano in tutta Italia, ha voluto consegnare, nel corso di una elegante cerimonia svoltasi nel capoluogo lombardo, presso l’Hotel Michelangelo, le benemerenze riservate a calabresi illustri ed a chi ha dimostrato di essere vicino alla Calabria. L’iniziativa è stata coordinata dal sempre dinamico presidente della Federazione, il noto cardiologo Italo Richichi, dal suo vice Nicolas Gallizzi e da tutto il comitato direttivo.
Ad oggi sono circa una quarantina le Associazioni di calabresi che operano fuori dalla Calabria, 24 di queste aderiscono alle Federazione Italiana dei Circoli Calabresi (FICC).
Un lavoro lungo e meticoloso, dove le indubbie qualità professionali sono state accompagnate quelle umane. Ed infatti non sono solo calabresi d’origine i premiati.  Lo spirito dei riconoscimenti travalica questo aspetto e sconfina verso chi ha dato tanto alla Calabria ed ai calabresi. Sono sette i personaggi a cui sono state assegnate le benemerenze 2018 della FICC: L’avvocato Marcello Crea, mediatore Professionista dal 2011, Segretario Regionale della Snals di Lombardia, il prof. Mario Sturla, dal 1978 Ordinario Effettivo Medico dello Sport, dal 1973 è medico della Federazione Pugilistica Italiana, dal 1996 è Presidente della Commissione Medica Europea (EBU e dal 2017 è Coordinatore Sanitario Nazionale della Federazione Pugilistica Italiana (FPI); il dott. Nicolas Gallizzi, medico di Medicina Generale, Odontoiatra, da 20 anni Vice Presidente della FICC e dal 2016 Consigliere di Amministrazione del Policlinico Ca’Granda di Milano;

Premiazione del prof. Bernardo Misaggi
Premiazione del prof. Bernardo Misaggi

la poetessa e cantautrice Giuseppina Melidoni; l’avvocato Maria Stefania Caracciolo che già a 28 anni entra nella carriera prefettizia e vanta esperienze nelle Prefetture di Reggio Calabria, Vibo Valentia, Pavia, Catanzaro, Vercelli e Milano, poi assegnata al Dipartimento per le Libertà civili e l’immigrazione del Ministero dell’Interno, il Prof. Bernardo Misaggi, il professionista ha eseguito più di 4.500 operazioni di chirurgia vertebrale, ora riveste il ruolo di Direttore di Struttura Complessa dell’Unità Operativa Patologie Vertebrali e Scoliosi del Centro Specialistico Ortopedico Traumatologico Gaetano Pini di Milano, e di Vicepresidente della Società Italiana Chirurgia Vertebrale e Scoliosi; il senatore Roberto Mura, per anni sindaco di San Genesio (PV), nel 2008 viene eletto Senatore della Repubblica Italiana; adesso Presidente della Commissione Regionale che tratta i problemi della Lombardia con la Comunità Europea.
Il noto cardiologo Richichi presidente della FICC è anche presidente della SIDME la Scuola Italiana Dieta Mediterranea di Pavia, oltre ad essere autore di un volume sulla dieta mediterranea e relatore a numerosi convegni:

Premiazione del senatore Roberto Mura
Premiazione del senatore Roberto Mura

“Sono otto anni che facciamo ricerche - ha sottolineato Richichi - mettiamo insieme tutti quei prodotti della dieta che servono a prevenire o ridurre il processo patologico per l’infarto miocardico o i tumori. A settembre faremo la prima presentazione di un corso organizzato dalla SIDME che va verso la direzione della salute e del benessere e che non punta sulla parte estetica di un piatto, cosa oggi di tendenza. Un corso di formazione che coinvolgere anche gli istituti alberghieri: è fondamentale sapere come e cosa si mangia e come si aggregano i cibi. Per mangiare sano bisogna puntare sul cibo vegetale al 70% ed il resto su cibo animale o derivati, è questo il vero equilibrio della dieta mediterranea. L’Istituto si interessa della salute attraverso la dieta mediterranea”. Intanto il lavoro in Federazione non si ferma mai, il prossimo appuntamento è a settembre, il Presidente Richichi terminerà il mandato e si svolgeranno nuove elezioni.