Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Sabato, 21 Settembre 2019

Marziale: “Necessario un albo regionale dei minori affetti da diabete mellito”

Il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria, Antonio Marziale, ha incontrato stamane a Palazzo Campanella le rappresentanti dell’Associazione “Diabaino Vip-Vip dello Stretto”, affiliata FAND, ossia Associazione Nazionale Diabetici.
FOTO GARANTE + DIABAINO“La presidente Gabriella Violi e la responsabile scientifica Maria Antonella Ferraro – rende noto il Garante – mi hanno chiesto di supportarle nell’istituzione di un albo regionale dei Minorenni affetti dal diabete mellito, considerando che, secondo quanto hanno evidenziato, ‘la Calabria è al secondo posto nella classifica nazionale, seconda soltanto alla Sardegna’”.
Oltre ad assicurare il proprio impegno, Marziale ha dichiarato: “Mi interfaccerò con le autorità sanitarie regionali, commissario straordinario Massimo Scura in primis, e tutte le strutture diramate sul territorio, al fine di capire quale sia la migliore strada percorribile per l’ottenimento di quanto richiestomi, verificando prima di tutto se elenchi siano già disponibili. Penso di coinvolgere anche le Istituzioni scolastiche al fine di poter monitorare più capillarmente il fenomeno ed insieme costruire percorsi di prevenzione rispetto ad una malattia che l’OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità, ha definito essere sociale e pandemica”.
“Purtroppo – conclude Marziale – esistono ancora oggi sacche culturali, per fortuna minoritarie, che considerano il diabete una malattia da nascondere. Pertanto, è necessario che tutti gli attori istituzionali coinvolti generino un comune filo conduttore volto a fondare una cultura della conoscenza della malattia, la sola che può stare alla base di un processo culturale di prevenzione”.
“Violi e Ferraro, a conclusione dell’incontro, hanno ringraziato il sottoscritto per averle supportate nell’intento di attivare presso il Grande Ospedale Metropolitano reggino un ambulatorio di diabetologia pediatrica, che ilDirettore Generale Frank Benedetto ha comunicato di attivare immediatamente, inizialmente un giorno alla settimana per poi puntare ad un’apertura di 5 giorni su 7”.