Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Mercoledì, 21 Agosto 2019

Marziale: "Inasprire la procedura penale contro chi si macchi di violenze sui bambini"

Il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria, Antonio Marziale, dopo avere appreso dell’arresto di due maestre di una scuola pubblica di Reggio Calabria, ha così dichiarato:

il Garante per l’Infanzia e l'Adolescenza della Regione Calabria Antonio Marziale il Garante per l’Infanzia e l'Adolescenza della Regione Calabria Antonio Marziale


“A partire da oggi – dice Marziale – l’ufficio del Garante di questa Regione chiederà la possibilità di costituirsi parte civile nei confronti di chi anche con un solo dito si avvicina oltraggiosamente ai bambini. Il provvedimento cautelare emesso nei confronti di due insegnanti accusate di gravi maltrattamenti a seguito delle denunce delle madre, come dimostrato da intercettazioni ambientali e videoregistrazioni – prosegue Marziale - conferma come l'indignazione non basta più, ed è invece necessario agire pesantemente sul piano sanzionatorio rivedendo una legge che concede lussi a quanti si macchiano di un crimine contro l'umanità, com'è da considerarsi ogni tipo di violenza sui bambini. Non è accettabile - finisce il Garante - che davanti alle evidenze queste persone godano di arresti domiciliari e di attenuanti in fase processuale: esse dovrebbero saggiare la galera e scontare il prezzo dovuto alla società e alla giustizia senza perdonismi di sorta".