Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Giovedì, 19 Settembre 2019

Nuovo quotidiano in Calabria, lo dirigerà Paolo Guzzanti

Sarà Paolo Guzzanti, storico caporedattore de ‘Il Giornale di Calabria’, allora diretto da Piero Ardenti, il nuovo direttore del quotidiano ‘Cronache delle Calabrie’, in edicola dal prossimo 25 ottobre.giornale cronache delle calabrie
Formato tabloid, policromatico, il nuovo giornale, edito in Calabria, è stato presentato nella sala ‘Corrado Alvaro’ dell’Amministrazione provinciale di Reggio Calabria dinanzi ad una platea fatta soprattutto di giornalisti ed operatori dell’informazione.
“Quarant’anni fa – ha ricordato Guzzanti – non sembravano esserci le condizioni di mercato per un nuovo quotidiano in Calabria. Eppure, con grande sacrificio e impegno, riuscimmo a realizzare un prodotto come il Giornale di Calabria, molto presto apprezzato dai lettori il cui unico riferimento per decenni era stato la ‘Gazzetta del Sud’. Il giornale conterrà molti fatti e lascerà ampi spazi all’intervento dei lettori. Infatti, dedicheremo due pagine al giorno per ospitare i pareri e le opinioni di chi ci segue e dei cittadini calabresi”.
‘Cronache delle Calabrie’, che sarà stampato da De Rose, avrà sede della direzione a Cosenza e potrà contare anche sulla redazione decentrata di Reggio Calabria. Secondo quanto appreso, il giornale si avvarrà di numerosi collaboratori e la redazione reggina sarà affidata alla responsabilità della giornalista Josephine Condemi.
Calabria on web augura a Paolo Guzzanti ed a tutti i colleghi che con lui lavoreranno l’augurio più sincero affinchè con il loro lavoro possa continuare a crescere nella nostra regione l’informazione e la cultura.