Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Venerdì, 24 Gennaio 2020

La ienti de Sion

Questo testo edito da Città del Sole edizioni è di grande interesse sotto molti aspetti. L’autrice Domenica Minniti Gonias, originaria di Bova Marina, è professore associato di Linguistica Italiana presso l'Università di Atene. Ha insegnato materie linguistiche e traduzione nel “Panteion Panepistemion “di Atene e, come visiting professor, nell'Università della Calabria e Pisa. È autrice di numerosi articoli e monografie sull'idioma greco-calabro, sulla questione della lingua e sui prestiti dell'italiano nel greco.
“La Elegia del XII secolo è il più antico testo in dialetto giudeo-italiano, il cosiddetto "latino", oggi noto come italkian ma ormai per lo più estinto. I tratti linguistici del testo qui esaminato rimandano ai volgari meridionali, fra cui quello della Calabria estrema.
Il componimento proviene da un codice in caratteri ebraici, ritrovato presumibilmente in Calabria tre secoli fa e contenente un formulario (Kinah) di preghiere cantate per il digiuno di Ab, giorno in cui gli Israeliti commemorano la distruzione dei loro templi.
L'Elegia del XII secolo è un piccolo capolavoro della tradizione laica dell'Ebraismo e al tempo stesso, uno dei primi testi in volgare, da accostare allo Stabat Mater e alla Rosa fresca aulentissima della tradizione popolare giullaresca dei primordi della letteratura italiana”.