Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Domenica, 18 Agosto 2019

Incontro tra l'Ufficio di Presidenza ed i tre Revisori dei conti

L’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale ha incontrato i componenti del Collegio dei revisori dei Conti della Giunta e del Consiglio regionale, Pasqualino Saragò, Guido Boccalone e Cosimo Forgione, eletti  nella seduta consiliare del 19 dicembre scorso in ossequio alle L’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale ha incontrato i componenti del Collegio dei revisori dei Conti della Giunta e del Consiglio regionale, Pasqualino Saragò, Guido Boccalone e Cosimo Forgione, eletti  nella seduta consiliare del 19 dicembre scorso in ossequio alle disposizioni normative.
Organo esterno di vigilanza, il Collegio dei revisori è chiamato adesercitare il controllo sulla regolarità contabile, finanziaria ed economica della gestione dell’Assemblea, della Giunta e di tutte le loro articolazioni.
“Abbiamo scelto tecnici dalla riconosciuta professionalità a cui abbiamo assicurato il nostro pieno appoggio nel lavoro che andranno a compiere per il controllo sugli atti dispositivi di spese e sui risultati di gestione,” ha detto il presidente Francesco Talarico.
Ai tre prescelti per lo svolgimento di una funzione così delicata cui si annette grande importanza, il presidente Talarico, i vicepresidenti  Alessandro Nicolò e Pietro Amato ed i segretari-questori Giovanni Nucera e Francesco Sulla, hanno augurato buon lavoro, offrendo la più completa disponibilità  a supportarli per qualsiasi occorrenza.
“L’elezione del Collegio dei Revisori - ha aggiunto il presidente Talarico  – è stato un ulteriore atto nel segno della trasparenza e del rigore dei conti accanto ai qualificanti provvedimenti  già assunti in termini di razionalizzazione delle risorse. Quale organismo indipendente, il Collegio dei Revisori opererà in piena autonomia e responsabilità raccordandosi unicamente con la sezione regionale della Corte dei conti per garantire l’obiettivo del coordinamento della finanza pubblica”.