Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Mercoledì, 17 Ottobre 2018

De Masi (Idv): “Sui costi della politica abbiamo le carte in regola”

“La Regione Calabria, già da tempo, ovvero quando ancora non si era manifestata in tutta la sua clamorosità la questione che riguarda un uso illecito dei fondi dei gruppi regionali, che configurano una autentica degenerazione morale all’interno degli enti,  aveva “La Regione Calabria, già da tempo, ovvero quando ancora non si era manifestata in tutta la sua clamorosità la questione che riguarda un uso illecito dei fondi dei gruppi regionali, che configurano una autentica degenerazione morale all’interno degli enti,  aveva provveduto ad assumere misure consistenti finalizzate a contenere il prezzo della politica”.
E’ quanto asserisce il capogruppo di Idv, Emilio De Masi richiamando “la diminuzione dei consiglieri, la riduzione delle commissioni e del personale in servizio agli staff e degli assessori. Dunque, la Regione virtuosamente aveva già provveduto a ridurre le spese che risultavano eccessive rispetto agli autentici bisogni  della funzionalità istituzionale”.
“Detto ciò – continua De Masi ¬– preoccupa l’ondata un po’ qualunquistica che tenta di sopprimere il valore istituzionale e democratico delle regioni come tali. E’ un rischio che va sventato in quanto, disarticolando le espressioni democratiche dello Stato,  allontanerebbe ancora di più i cittadini dai centri che ne decidono le sorti. Bisogna, dunque, valorizzare il ruolo esaltante che ancora le regioni possono svolgere, naturalmente contenendo le spese ancora di più di quanto non siamo riusciti a fare  e tenendo presente che la democrazia, come tale, ha un costo nè si può privare di tutti i supporti, anche di quelli finanziari, perché altrimenti finirebbe per non funzionare, a scapito dei bisogni dei cittadini”