Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Mercoledì, 17 Ottobre 2018

Progetti “Emergenza Nord Africa”, interrogazione dei consiglieri dell’IdV

I consiglieri regionali dell’Idv, Giuseppe Giordano, Emilio De Masi (capogruppo) e Mimmo Talarico, hanno presentato un’interrogazione a risposta immediata “sui mancati trasferimenti finanziari del Dipartimento della Protezione Civile ai Comuni titolari dei progetti denominati ‘Emergenza Nord Africa’”.

L’obiettivo - è scritto nel documento - è quello di “sapere se effettivamente i fondi erogati al Dipartimento regionale della Protezione

Civile a favore degli enti locali interessati ai progetti di accoglienza per gli immigratisiano bloccati per ragioni di ordine burocratico e quali iniziative siano state assunte autonomamente dalla Regione, anche nei confronti della sezione regionale di controllo della Corte dei Conti, per sbloccare una situazione che rischia di creare tensioni sociali nei territori di riferimento”.

Giuseppe Giordano, Emilio De Masi (capogruppo) e Mimmo Talarico


I consiglieri dell’Idv chiedono inoltre di sapere “quali iniziative, in caso negativo, intende intraprendere il Governo regionale per garantire i finanziamenti sopra richiamati e se non si ritenga opportuno, in attesa di dirimere le problematiche di ordine giuridico, impegnare in via provvisoria risorse finanziarie all’interno del bilancio regionale, nello specifico sui fondi allocati nel capitolo delle politiche sociali, stante  l’alto valore di inclusione sociale  nascente dai progetti di ospitalità del sistema ‘Asilo’ e del sistema di ‘Accoglienza’”. “Due  esperienze di eccellenza nel panorama nazionale ed internazionale - è scritto ancora nell’interrogazione - mentre, allo stato, si  prefigura il rischio concreto, come denunciato dai due sindaci di Riace ed Aquaformosa, di   rivolte sociali, nonostante l’impegno degli amministratori e dei tanti operatori per garantire il diritto all’accoglienza”.

“I Sindaci Domenico Lucano  di Riace, Giovanni Manoccio  di Acquaformosa hanno iniziato uno sciopero della fame, al quale hanno aderito altri amministratori, per sensibilizzare l’opinione pubblica rispetto le criticità dei progetti denominati ‘Emergenza Nord-Africa’ che hanno visto i Comuni e le Associazioni accogliere i Migranti provenienti dai Paesi  sub sahariani  nella passata primavera-estate”.

“Le Amministrazioni interessate subiscono, da oltre un anno - affermano nel documento i consiglieri dell’Idv - la mancata erogazione delle risorse causata da un contrasto amministrativo tra la Protezione Civile Regionale e la Corte dei Conti sezione Calabria dovuto alla mancata registrazione, da parte della stessa sezione regionale di controllo, delle convenzioni stipulate dal soggetto attuatore della Regione Calabria con gli enti gestori  prima del 29 luglio 2011 e ciò, in ragione dell’orientamento della Corte dei Conti di sottoporre, al visto preventivo, non solo gli atti del Commissario delegato, ma anche quelli dei soggettiattuatori”.