Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Giovedì, 17 Gennaio 2019

Infanzia e adolescenza. Una proposta di legge di Idv

“L’atroce coincidenza, quest’anno, del 23° anniversario dall’approvazione a New York della Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, celebrata in tutto il mondo il giorno 20 novembre, con il violento attacco da parte di Israele a Gaza, in cui hanno “L’atroce coincidenza, quest’anno, del 23° anniversario dall’approvazione a New York della Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, celebrata in tutto il mondo il giorno 20 novembre, con il violento attacco da parte di Israele a Gaza, in cui hanno perso la vita diversi bambini, mi ha spinto a depositare, insieme con i colleghi consiglieri Giuseppe Giordano e Domenico Talarico, una proposta di legge di modifica dello Statuto della Regione”.
E’ quanto dichiara Emilio De Masi, presidente del Gruppo IdV in Consiglio regionale, che aggiunge: “L’iniziativa legislativa, formalmente semplice, è mossa dalla convinzione che sia  importante - come già avvenuto in altre regioni nel recente passato - dare un segnale istituzionale positivo di attenzione all’infanzia e all’adolescenza, anche attraverso il recepimento nell’ordinamento regionale, dei principi della Convenzione Onu del 1989”, spiega De Masi, ricordando  “come quest’ultima rappresentò, e rappresenta ancora oggi, nella misura in cui non ovunque e non sempre, purtroppo, costituisce direttrice sulla quale si muovono le politiche e le azioni degli Stati, delle Regioni, delle Città, una vera e propria rivoluzione”.
“La sfida era ed è quella – rilancia De Masi- di riconoscere il bambino non soltanto come oggetto di tutela ed assistenza, ma anche come soggetto titolare di diritti: civili, politici, economici, sociali e culturali.  Indifferentemente dal posto in cui nasce e cresce. Eppure, c’è da constatare, che non tutti i bambini e non tutti gli adolescenti sono uguali, né vivono in condizione di uguaglianza, anche all’interno dello stesso Paese. Questione progressivamente rimossa nell’errata e frettolosa considerazione che situazioni simili non riguardassero più le nostre regioni. E invece, la globalizzazione prima, le immigrazioni di massa e la crisi economica poi, costringono a fare i conti con il triste dato secondo il quale un bambino su quattro in Italia è a rischio povertà, con tutto quel che ne consegue. La strada appare in salita, dunque, e percorrerla richiede attenzione e impegno costante”.
Per De Masi, primo firmatario della proposta, diviene “improcrastinabile, da parte delle Istituzioni, l’attuazione di politiche diverse, che pongano i bambini al centro dei percorsi e delle scelte, non semplicemente e specificatamente rispetto alle sole azioni che li riguardano direttamente. Indirizzando, invero, i propri processi verso quella trasformazione - definita da più parti come ‘unica vera rivoluzione possibile’- della visione ‘Adultocentrica’ del mondo con quella ‘Bambinocentrica’. Una visione, per definizione, negazione di qualsiasi forma di confusione, di violenza, di persecuzione, di settarismo e di alienazione, proiettata piuttosto a incentivare politiche per l’educazione, dalla scuola alla cultura in senso più lato, politiche ambientali e urbanistiche, ma anche economiche, più attente ai bisogni delle persone e alla tutela di interessi collettivi”.
Prosegue De Masi: “Così, con la modifica allo Statuto, il gruppo regionale IdV si fa promotore dell’introduzione, tra gli obiettivi declinati all’art. 2,  verso il raggiungimento dei quali è indirizzata l’azione della Regione, di quello della ‘promozione e diffusione di una cultura dell’infanzia e dell’adolescenza volta al riconoscimento dei bambini e delle bambine, degli adolescenti e delle adolescenti, come soggetti titolari dei diritti sanciti dalle convenzioni internazionali’”.