Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Martedì, 25 Giugno 2019

La Commissione speciale di Vigilanza ha approvato tutti i punti all'ordine del giorno

La Commissione speciale di Vigilanza, presieduta dall’on. Ennio Morrone, ha espresso parere favorevole sui quattro punti all’ordine del giorno della seduta odierna, dopo aver audito in merito il vicepresidente della Giunta regionale ed assessore al Bilancio e Programmazione economica e finanziaria, prof. Antonio Viscomi. 

Approvati sia la relazione alla proposta di legge n. 304/10^, di iniziativa della Giunta regionale: “Bilancio di previsione finanziario della Regione Calabria per gli anni 2018 -2020” ai sensi dell’art. 34, comma 3,lettera d) del Regolamento interno del Consiglio regionale, che la relazione alla proposta di legge n. 303/10^, sempre di iniziativa della Giunta, recante: “Legge di stabilità regionale 2018”, ai sensi dell’art. 34, comma 3, lettera d) del Regolamento interno del Consiglio regionale.

L’organismo ha quindi proseguito con l’approvazione del parere alla proposta di provvedimento amministrativo n. 202/10^ di iniziativa delle Giunta: “Documento di economia e finanza della Regione Calabria (DEFR) per gli anni 2018-2020 (Art, 36 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118)”, ai sensi dell’art. 34, comma 3, lettera b) del Regolamento interno del Consiglio regionale.  Licenziato anche il parere alla proposta di provvedimento amministrativo n. 203/10^ di iniziativa della Giunta: “Nota di aggiornamento del documento di economia e finanza della Regione Calabria (DEFR) per gli anni 2018-2020 (Paragrafo 6 del principio applicato della contabilità allegato 4.1 e art. 36 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118)”, ai sensi dell’art. 34, comma 3, lettera b) del Regolamento interno del Consiglio regionale.

Nel corso della relazione preliminare, il professore Viscomi ha sottolineato come “il problema reale del Bilancio, al di là della sua rigidità e della limitatezza delle risorse - connessa anche al disagio del precariato sociale (la forestazione, gli Lsu-Lpu, e la mobilità in deroga) - sia legato alle entrate, ed in particolare alla questione dei rapporti con il sistema delle Autonomie Locali (Comuni ed Enti Locali in genere) per quanto attiene i crediti che la Regione vanta rispetto al sistema idrico e allo smaltimento dei rifiuti, essendo la Calabria l’unica Regione ad assumere su di sé il carico dello smaltimento dei rifiuti”.

“Quest’anno - ha proseguito Antonio Viscomi - le risorse destinate per le spese di funzionamento di Giunta e Consiglio sono 196 milioni di euro in preventivo, con una tendenziale diminuzione, visto che nel 2009 tale importo ammontava a quasi 242 milioni. Le spese per gli enti subregionali sono di 117 milioni. Di questi, 56 sono destinati alla forestazione; 50 al precariato. Sono poi state rifinanziate una serie di leggi per 16 milioni: di questi, 5 milioni sono dedicati al turismo, altri 5 milioni al comparto dell’agricoltura, le due grandi aree d’interesse di questa regione”.

Il presidente della Commissione, Ennio Morrone, a margine dei lavori, ha dichiarato: “Abbiamo avuto modo di ascoltare l’interessante intervento del vicepresidente Viscomi sul Bilancio di previsione 2018-2020. Dalla relazione è emersa una significativa riduzione delle spese per il funzionamento sia del Consiglio che della Giunta, grazie ad un trend iniziato già da diversi anni. Chiaramente ci troviamo dinanzi ad un Bilancio ingessato per via delle entrate e delle spese obbligatorie, essendo solo 700 milioni la parte libera; diversi anni fa, invece, la quota libera ammontava addirittura ad un miliardo e mezzo. Questo significa - ha concluso l’on. Morrone - che se non verranno affrontate una serie di problematiche, non ultima la questione del precariato, assisteremo ad una ulteriore contrazione delle risorse. Abbiamo comunque apprezzato lo sforzo dell’Amministrazione per contenere il deficit”.

Hanno preso parte alla seduta i consiglieri Domenico Battaglia, Giuseppe Neri e Francesco D’Agostino.