Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Venerdì, 06 Dicembre 2019

Pacenza (Pdl): "Istituiamo il Consiglio delle autonomie locali"

''Se quello che interesserà le Province italiane sarà un riordino e non più un taglio matematico perpetrato attraverso soppressioni e accorpamenti degli Enti intermedi minori, ora più che mai, ribadisco la necessità in Calabria di formalizzare per settembre il Consiglio delle autonomie locali così come fra l'altro previsto anche dallo Statuto della Regione''. E' l'invito che il presidente del Comitato regionale per la qualità e la fattibilità delle leggi Salvatore Pacenza (Pdl) rivolge  al presidente del Consiglio regionale Francesco Talarico dopo che la commissione Bilancio al Senato ha approvato un emendamento bipartisan (PdL-Pd) al decreto ''spending review'' che, di fatto, assegna alle Regioni il ruolo di riordino delle Province attraverso il Consiglio delle autonomie locali .

''Già' lo scorso 6 luglio a mezzo stampa - aggiunge  Pacenza - all'indomani cioè dell'approvazione del decreto spending review da parte del governo; così come il seguente 17 luglio nel corso dell'intervento da me pronunciato durante il Consiglio regionale straordinario sulle Province, ebbi modo di sottolineare l'importanza che questo organismo avrebbe ricoperto per ogni Regione nella delicata riforma strutturale del Paese. E' stato proprio in considerazione di ciò che mi sono subito rivolto al presidente Talarico per sollecitare la formalizzazione di questo organo che, sebbene istituito con legge regionale del 5 gennaio 2007 n.1, ad oggi, non e' stato mai convocato. La Regione Lazio, ad esempio, ha già comunicato che in settembre convocherà il Consiglio delle autonomie locali per valutare gli effetti del decreto sul riordino delle Province. Qui in Calabria, invece, ancora nulla e' stato ancora preannunciato e non vorrei che questo ritardo producesse danni ai territori interessati da eventuali accorpamenti. Continuo a sottolineare  che il Consiglio delle autonomie locali  e' l'organismo più democratico ed equanime per ridisegnare le circoscrizioni provinciali della Calabria. Del resto, e' lo Statuto della Regione ad indicare tale organo collegiale come quello rappresentativo degli Enti locali, in quanto chiamato a intervenire nei processi decisionali della Regione attraverso i principi di consultazione e cooperazione permanente". Finisce Pacenza: "'Anchealla luce di quanto previsto all'articolo 10 del cosiddetto decreto spending review che pare offra dei margini per salvare quei presidi tecnico-burocratici e di sicurezza (Prefetture, Questura, Comandi provinciali, Camera di commercio ecc) in quei territori come Crotone dove, oltre ad una comprovata crisi economico-produttiva, si registrato alti indici di presenza della criminalità organizzata''