Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Lunedì, 24 Febbraio 2020

Commissioni, seduta congiunta terza e quarta su ambiente e salute

La seduta congiunta delle Commissioni terza e quarta del Consiglio regionale, presiedute, rispettivamente, dai consiglieri Salvatore Pacenza e Gianluca Gallo, ha affrontato un lungo dibattito sui temi dell’ e le ricadute sulla salute dei cittadini. Ai lavori hanno preso parte La seduta congiunta delle Commissioni terza e quarta del Consiglio regionale, presiedute, rispettivamente, dai consiglieri Salvatore Pacenza e Gianluca Gallo, ha affrontato un lungo dibattito sui temi dell’ e le ricadute sulla salute dei cittadini. Ai lavori hanno preso parte numerose associazioni ambientaliste, i rappresentanti dei dipartimenti Salute e Ambiente della Giunta regionale, delle Asp delle cinque province calabresi , il sindaco di Crotone, Peppino Vallone, il diretto generale dell’Arpacal, Sabrina Santagati.

Il presidente della terza commissione Salvatore Pacenza


“Ho inviato – ha comunicato in apertura dei lavori il presidente Gianluca Gallo – una lettera all’assessore all’Ambiente ed al Dipartimento ambientale per conoscere le ragioni che hanno portato alla decisione di  fare del sito esistente in contrada Bucita, nel Comune di Rossano Calabro, attraverso un apposito bando, un impianto di imballaggio di parte considerevole dei rifiuti prodotti nell’ambito del territorio provinciale cosentino, notizia appresa attraverso gli organi di informazione. In particolare, stando ai dettagli filtrati nelle cronache – ha sottolineato Gianluca Gallo - il sito rossanese dovrebbe diventare meta di circa 750 quintali di spazzatura al giorno, da imballare e poi trasferire verso il porto di Corigliano, per essere qui imbarcata su navi dirette ai siti finali di smaltimento. Detta soluzione, è evidente, può considerarsi finalizzata alla risoluzione dell’emergenza in cui ormai da decenni versa l’intero sistema dei rifiuti in Calabria, per colpe e negligenze che affondano le loro radici nel tempo e rispetto alle quali non può essere disconosciuto l’impegno profuso con intelligenza e sensibilità dall’Assessorato e dal Dipartimento. Proprio per questo – ha detto il presidente della quarta Commissione -  confido che possano essere prese e tenute in adeguata considerazione, se necessario attraverso una modifica o la revoca del bando, le istanze provenienti in queste ore dal territorio e cristallizzate nelle prese di posizione, decisamente contrarie, non solo dei sindaci dei centri interessati, in particolare il primo cittadino di Rossano Giuseppe Antoniotti, ma anche del collega consigliere regionale Geppino Caputo e del sottosegretario regionale alla Protezione Civile, Giovanni Dima”.

Il presidente della quarta commissione Gianluca Gallo


“Alle perplessità legate ad un metodo che ha lasciato fuori dai processi decisionali la voce dei rappresentanti delle istituzioni locali e degli stessi consiglieri regionali del comprensorio ionico cosentino, compresi me e la Quarta commissione consiliare “Ambiente e territorio” da me presieduta, si uniscono motivazioni di merito, oggettivamente meritevoli di attenzione, in ordine ai pericoli di inquinamento ambientale che potrebbero ripercuotersi su un’area a forte vocazione agricola e turistica, nel recente passato già sacrificata sull’altare della ragion di stato e parte di un territorio che di recente ha subito diverse spoliazioni in campo sanitario e, da ultimo, anche la soppressione del Tribunale di Rossano”.

“Sono certo, alla luce dei dubbi manifestati – ha affermato Gallo - che l’Assessorato ed il Dipartimento sapranno avviare un’attenta, indispensabile opera di dialogo e concertazione istituzionale e, qualora opportuno, ripensare scelte che minacciano di intaccare la tenuta dell’ordine pubblico e della sicurezza in larga parte della Calabria citeriore, senza con ciò rinunciare ad individuare e seguire insieme, con comune assunzione di responsabilità, soluzioni che valgano a portar fuori la regione dall’emergenza rifiuti”.
Il presidente della terza Commissione, Salvatore Pacenza, ha definito la seduta odierna “di alto valore scientifico, culturale e politico. Sono emerse indicazioni da diverse competenze e la preoccupazione per la correlazione tra alterazioni ambientali e patologie neoplastiche. Compito della politica – ha detto ancora Pacenza – nelle sue diverse articolazioni, è quella di non abbassare la guardia per trovare soluzioni  che rassicurino i cittadini. La seduta ha svolto questa funzione e si propone di sottoporre i dati raccolti alla valutazione dell’amministrazione regionale e dello Stato. Ci sembra sempre più opportuno fare in modo che vi sia coordinamento tra i diversi livelli amministrativi per non disperdere gli interventi in inutili rivoli. Il quadro delineato conferma una situazione seria che non va però estremizzata  – ha sottolineato Salvatore Pacenza – che, al contempo occorre seguire e continuare a monitorare con estrema attenzione”.
Nel corso della riunione, è stato altresì affrontato il tema dell’attracco delle navi con a bordo sostanze chimiche provenienti dalla Siria a Gioia Tauro. I consiglieri presenti hanno dato mandato ai presidenti Gallo e Pacenza di sottoporre al presidente del Consiglio, Francesco Talarico, l’eventuale inserimento della delicata questione per una prossima seduta dell’Assemblea di Palazzo Campanella. Ai lavori hanno fornito il loro contributo i consiglieri: Chizzoniti, Bulzomì, Giordano, Crinò, Magno, Guccione, Scalzo, Franchino, Ciconte, Tripodi, Minasi, Parente, Vilasi e Albano.