Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Domenica, 26 Gennaio 2020

Imbalzano: “Si chieda lo stato di calamità per i danni prodotti dalla tromba marina sul litorale reggino”

“La tromba marina che ha colpito l’intero litorale del reggino - da Catona fino all’area grecanica - producendo devastazioni e radendo al suolo alcuni lidi e stabilimenti del centro cittadino, impone un tempestivo e risoluto intervento delle Istituzioni locali, a “La tromba marina che ha colpito l’intero litorale del reggino - da Catona fino all’area grecanica - producendo devastazioni e radendo al suolo alcuni lidi e stabilimenti del centro cittadino, impone un tempestivo e risoluto intervento delle Istituzioni locali, a partire dalla Regione”.candeloro Imbalzano
E’ quanto sostiene il presidente della Commissione regionale “Bilancio, programmazione economica, attività produttive e fondi Ue” Candeloro Imbalzano.
“Siamo del parere - sottolinea l’esponente politico - che la Giunta regionale debba subito chiedere al Governo lo stato di calamità naturale, atteso che, così come verificato anche dalle organizzazioni di categoria con le quali abbiamo avuto modo di confrontarci oggi, gli operatori turistici interessati non sono da soli nelle condizioni di ripristinare lo stato dei luoghi, considerato poi che la stagione estiva si protrarrà per tutto il mese di settembre”.
“Chiediamo pertanto un sopralluogo immediato dei tecnici della Protezione Civile regionale perché - conclude Candeloro Imbalzano - verifichino sul campo i guasti prodotti sia nel perimetro cittadino che nelle aree extraurbane, in particolare nella costa jonica-grecanica.Territorio che, ancora una volta, ha subito danni pesanti in una stagione già caratterizzata da una forte instabilità climatica e quindi da risultati insoddisfacenti sul piano economico-gestionale”.