Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Lunedì, 16 Dicembre 2019

Lunedì 30 settembre la prossima seduta consiliare

Si riunirà lunedì prossimo 30 settembre, con l'inizio della tornata fissato nel pomeriggio, il Consiglio regionale della Calabria. E' quanto ha stabilito la Conferenza dei presidenti dei gruppi consiliari, i cui lavori si sono tenuti oggi a palazzo Tommaso Campanella.

Alla seduta, coordinata dal presidente dell'Assemblea Nicola Irto, hanno partecipato i consiglieri Giovanni Arruzzolo (Nuovo Centro Destra), Domenico Battaglia (Partito Democratico), Francesco D'Agostino (Oliverio Presidente), Gianluca Gallo (Casa delle libertà), Giuseppe Giudiceandrea (Democratici Progressisti), Giovanni Nucera (La Sinistra), Fausto Orsomarso (Gruppo misto), Claudio Parente (Forza Italia) e Antonio Scalzo (Moderati per la Calabria), oltre al segretario questore dell'Ufficio di presidenza, Domenico Tallini. La giunta regionale è stata rappresentata in Conferenza dal vicepresidente Francesco Russo.

Nel corso dei lavori, l'organismo istituzionale ha calendarizzato la data delle assise, concordando di inserire all'ordine del giorno diversi provvedimenti di natura contabile-finanziaria, la cui approvazione è in scadenza. Successivamente, su richiesta del vicepresidente della Regione, la Conferenza ha audito una delegazione del Corap, guidata dal commissario straordinario Fernando Caldiero, il quale ha illustrato la gravissima condizione economico-finanziaria dell'ente. Interpretando l'unanime volontà della Conferenza, il presidente Irto ha immediatamente scritto ai presidenti delle commissioni consiliari competenti in materia, chiedendo una convocazione urgente e congiunta degli organismi. In particolare, ha sollecitato l'audizione in commissione degli attori socio-economici e istituzionali interessati alla delicatissima questione e ha chiesto si proceda con la massima celerità ad assumere tutte le misure possibili per salvaguardare i livelli occupazionali del Corap, al fine di garantire il mantenimento dei circa cento posti di lavoro del personale dell'ente.